mercoledì 22 novembre 2017

[Libri] Il metodo della fenice. La terza indagine del commissario Casabona di Antonio Fusco




Titolo: Il metodo della fenice. La terza indagine del commissario Casabona
Autore: Antonio Fusco
Editore: Giunti
Formato: Copertina flessibile
Pagine: 240
ISBN: 9788809810822

Novembre, il mese dei morti e della pioggia. Una telefonata anonima sveglia la centrale di Valdenza alle prime luci dell'alba. Il commissario Casabona, che per via di uno scontro con sua moglie da un paio di giorni dorme in questura, è il primo a precipitarsi sul posto: sotto il vecchio ponte di Campanelle, ai confini del bosco dove vive appartata la misteriosa comunità degli Elfi, viene rinvenuto il corpo di una giovane donna, nudo e parzialmente carbonizzato. Un compito facile per la Scientifica, perché nelle vicinanze emergono subito indizi utili all'indagine. Troppi e troppo in fretta, pensa Casabona. Tanto più che il presunto colpevole viene trovato di lì a poco: in fondo al lago, al volante della sua auto; annegato in seguito a quello che risulta un banale incidente. Ma Casabona non ci sta: il suo istinto gli dice che dietro la storia delle due vittime - lei entraîneuse in un night club, lui pornoattore di fama locale - si nasconde qualcosa di molto più torbido. Qualcuno sta cercando di insabbiare verità scomode che premono per venire alla luce. E qualcuno vuole vedere il fuoco della vendetta ardere sino in fondo, perché è solo dalle ceneri che si rinasce a nuova vita. Per sciogliere il mistero, Casabona dovrà affondare le mani nel ventre molle della provincia italiana, dove l'unica cosa che conta è l'apparenza, eppure niente è come appare. Un'esperienza così sconvolgente e accecante da indurlo a dubitare persino dei suoi affetti più cari.


Confesso subito che da questo terzo volume dedicato alle vicende Casabona mi aspettavo di più.
Mi è piaciuta l'ambientazione poco comune e scomoda: gli intrecci che si vengono a creare tra avvenimenti all'apparenza scollegati sono ben dosati e permettono al lettore di scoprire le cose al passo con gli investigatori, ma il protagonista mi ha delusa perché, rispetto ai libri precedenti, l'ho trovato distante e meno capace di creare empatia con il lettore.
Ho apprezzato i racconti della vita all'interno del commissariato anche se le spiegazioni in riferimento al modo di condurre le indagini spesso mi sono sembrate troppo tecniche e quasi scollegate dalla narrazione.
Lo stile di scrittura è comunque molto fluido e il libro si legge con piacere e velocemente, l'alternanza di capitoli dedicati alle indagini e al punto di vista del colpevole e delle vittime contribuisce a creare movimento e spinge ad andare avanti con la lettura per saperne di più, anche se il nome del cattivo si intuisce prima della effettiva rivelazione.
Sul finale viene lanciato un'argomento che sarà sicuramente al centro del quarto volume e spero che riporterà il commissario a quella dimensione più intima che qui mi è mancata.
Voto: 3,5/5


Partecipo a:
The Hunting Word Challenge: commissario (parola bonus nel titolo)
La Ruota delle Letture: obiettivo 13 - leggi un libro ambientato unicamente in Italia
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Emirati Arabi - leggi un libro scritto da un uomo

domenica 19 novembre 2017

[Libri] Il sangue dell'altra di Tess Gerritsen




Titolo: Il sangue dell'altra
Autore: Tess Gerritsen
Editore: TEA
Formato: Paperback
Pagine: 359
ISBN: 9788850218561

Maura Isles, medico legale di Boston e collega della detective Jane Rizzoli, lavora a contatto con la morte e vede cadaveri tutti i giorni. Ma quando sul tavolo autoptico vede il cadavere di una donna trovata morta poche ore prima proprio davanti a casa sua, per la prima volta in vita sua sente gelarsi il sangue nelle vene: la donna uccisa con un colpo di pistola è la copia perfetta di Maura, fin nei minimi dettagli. Ancor più inquietante è il fatto che entrambe abbiano lo stesso gruppo sanguigno e la stessa data di nascita. È così che un'indagine già difficile su un caso di omicidio si trasforma in un viaggio drammatico e rischioso in un passato pieno di oscuri segreti...


Adoro la capacità dell'autrice di riuscire a indurre il lettore a sospettare praticamente di ogni nuovo personaggio introdotto nella storia, sembra banale ma, nei thriller letti precedentemente, mi è capitato raramente. Sono arrivata al quarto libro della serie e anche stavolta è stata una vera sorpresa scoprire il colpevole.
La trama mi è piaciuta molto, il personaggio di Maura Isles che qui è in primo piano è molto intrigante e decisamente ben caratterizzato. Mi ha colpita in positivo la sensazione di scoprire insieme a lei segreti del passato e ricostruire pezzo dopo pezzo una storia nuova e inaspettata.
E' stata una sorpresa ritrovare Padre Brophy, però avrei preferito che la sua apparizione fosse meno fugace. E' interessante la scelta di usare questo personaggio e spero di leggerlo ancora in futuro andando avanti con i volumi della saga. Non mi ha invece entusiasmata Rick e, in particolare, non ho gradito l'ostinazione della Gerritsen di voler mettere a tutti i costi un uomo al fianco di Maura.
Voto: 4/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: autrici straniere (4)
The Hunting Word Challenge: sangue (nel titolo e in copertina)

giovedì 16 novembre 2017

[Libri] Corpi senza volto di Tess Gerritsen




Titolo: Corpi senza volto
Autore: Tess Gerritsen
Editore: TEA
Formato: Copertina flessibile
Pagine: 337
ISBN: 9788850237647

Boston, pochi giorni a Natale. La città è imbiancata dalla neve, serrata dal gelo in attesa delle festività. Ma la morte non ha rispetto per luoghi sacri o ricorrenze: Maura Isles, patologa della polizia metropolitana soprannominata la "Regina dei morti", viene convocata dal detective Jane Rizzoli a ora tarda, nella cappella del convento di Nostra Signora della Divina Luce. A terra giacciono due corpi massacrati: la novizia Camille e l'anziana suor Ursula. Per la giovane non c'è nulla da fare, ma sorella Ursula viene trasportata d'urgenza in ospedale. Forse, se riprende conoscenza, potrà fornire qualche indizio...


L'autrice ha uno stile di scrittura che mi piace molto e ha la capacità di coinvolgere totalmente il lettore riuscendo a tenerlo incollato fino all'ultima pagina.
Mi è piaciuta molto l'ambientazione della storia, inusuale e molto particolare, ricca di descrizioni che ci fanno entrare nei dettagli di un luogo poco comune come quello di un convento. Ho apprezzato l'idea di sviluppare un tema molto attuale come quello dello sfruttamento dei territori poveri da parte delle multinazionali, creando dei casi apparentemente indipendenti che in realtà riescono a convergere andando avanti nella lettura, ottenendo uno sviluppo della trama perfetto.
Il personaggio della dottoressa Isles viene messo in primo piano e, grazie al ritorno di una persona del suo passato, riusciamo a indagare sulla sua vita privata e a farci un'idea del suo carattere. Mi è sembrata però un po' troppo fiction il fatto che gli investigatori o comunque le persone coinvolte nelle indagini vengano sempre prese di mira dai cattivi. Inoltre, il finale dedicato alla Rizzoli mi è parso un po' affrettato e poco in linea con il personaggio.
Voto: 4,5/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: autrici straniere (3)

martedì 14 novembre 2017

[Libri] Lezioni di morte di Tess Gerritsen




Titolo: Lezioni di morte
Autore: Tess Gerritsen
Editore: TEA
Formato: Copertina flessibile
Pagine: 341
ISBN: 9788850240531

Jane Rizzoli, detective della polizia di Boston, pensa di aver vinto la sua battaglia più difficile: il serial killer soprannominato "Il Chirurgo" è in prigione e non potrà più nuocere. Ma si sbaglia. Viene, infatti, convocata per investigare su una nuova serie di orribili delitti. Le vittime sono sempre due, di solito una giovane coppia, massacrata seguendo un unico, macabro rituale. Gli indizi avvicinerebbero la tecnica del nuovo maniaco a quella del Chirurgo. Ma come è possibile se questi è in prigione? Forse un mitomane che imita le gesta del suo folle modello? Forse dietro tutto c'è un segreto ancora più orribile, una verità che l'FBI vuol nascondere a tutti i costi...


In questo secondo volume della serie dedicata a Jane Rizzoli ho trovato quello che mancava nel primo libro, cioè una conoscenza approfondita della protagonista. Attraverso le sue paure e i suoi dubbi, infatti, riusciamo finalmente a inquadrare la detective e farci un'idea del suo carattere, grazie anche a informazioni sul suo passato e sulla sua famiglia.
Dei nuovi personaggi introdotti, non mi è proprio piaciuto Gabriel Dean, mi è parso da subito molto sospettoso e doppiogiochista, nemmeno quando la situazione con Jane è cambiata sono riuscita a annoverarlo tra i "buoni".
Nonostante il caso trattato non mi abbia entusiasmata come il precedente, la scrittura dell'autrice cattura fino all'ultima pagina, lasciando costantemente con il fiato sospeso e impedendo quasi di lasciare il libro senza aver scoperto il finale.
Mi ha delusa solamente la vicenda narrata all'inizio del romanzo, che viene accennata durante lo svolgimento dell'opera ma viene poi abbandonata senza una vera e propria risoluzione.
Voto: 4/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: autrici straniere (2)
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Caracas - leggi un libro in cui vi sia un omicidio

domenica 12 novembre 2017

[Libri] Il gatto che insegnava a essere felici di Rachel Wells




Titolo: Il gatto che insegnava a essere felici
Autore: Rachel Wells
Editore: Garzanti
Formato: eBook
Pagine: 278
ISBN: 9788811146223

Per un gatto come Alfie non esiste niente di meglio che scorrazzare per i giardini di Edgar Road. Solo lì si sente a casa. Gli abitanti del quartiere lo accudiscono come una vera famiglia. Hanno imparato ad amarlo e non possono più fare a meno di lui. Perché Alfie ha un dono unico: è in grado di ascoltare i bisogni inconfessati. Solo lui ha capito che Claire vorrebbe tanto avere un figlio e che il piccolo Aleksy ha problemi a scuola. Alfie è lì per aiutarli e insegnare loro a cercare di nuovo la felicità. Ma all'improvviso nella via arrivano dei nuovi vicini i cui movimenti appaiono sospetti: hanno traslocato di notte e non fanno amicizia con nessuno. L'armonia del quartiere è in pericolo e Alfie deve fare qualcosa. Eppure loro provano di tutto per tenerlo lontano. Soprattutto Palla di Neve, la loro affascinante gatta diffidente e dispettosa, blocca ogni suo tentativo di capire cosa sta succedendo. E ogni suo tentativo di avvicinarsi a lei. Alfie è convinto che dietro quegli strani atteggiamenti si nasconda solo una richiesta di aiuto, dietro quelle facce tristi solo la voglia di trovare conforto. E piano piano la nuova famiglia si accorge di quanto lui sia prezioso per la loro vita. È l'unico che può accendere il loro futuro di nuova speranza. Perché Alfie sa che si deve lasciare il cuore aperto a nuovi amici, nuove avventure, nuovi incontri inaspettati. E anche all'amore, che arriva sempre quando si crede di averlo perduto per sempre.


Questo libro è il seguito de "Il gatto che aggiustava i cuori" e, nonostante alcune situazioni siano cambiate, ritroviamo gli stessi personaggi. Anche stavolta protagonista indiscusso è Alfie, un gatto molto tenero che, con astuzia e un po' di fortuna, riesce a risolvere tutti i problemi che gli si presentano. La lettura è estremamente scorrevole e piacevole.
Ho trovato simpatica l'idea di raccontare la vicenda da punto di vista dell'animale, in particolare mi sono piaciute molto le sue analisi delle "stranezze" degli umani, in alcuni casi divertentissime da leggere e in altri più profonde, tanto da spingere noi lettori a riflettere su quanto spesso ci creiamo problemi senza motivo.
Ho apprezzato meno il mistero da risolvere lungo tutte le pagine, è interessante all'inizio ma andando avanti diventa ripetitivo e alla fine si rivela piuttosto debole. Non mi è piaciuta affatto la caratterizzazione dei coniugi Goodwin, troppo stereotipati e assurdi nell'aspetto e nei comportamenti. Infine, i buoni sentimenti e la felicità che pervadono la storia diventano eccessivi e risultano quasi stucchevoli.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 3 - leggi un libro il cui titolo contenga un aggettivo
The Hunting Word Challenge: gatto (nel titolo e in copertina)

giovedì 9 novembre 2017

[Libri] Il colore bianco degli inizi di Mary Pflum Peterson




Titolo: Il colore bianco degli inizi
Autore: Mary Pflum Peterson
Editore: HarperCollins
Formato: eBook
Pagine: 402
ISBN: 9788858970355

Nella casa invasa dalla polvere il disordine regna sovrano. Sono passati anni dall'ultima volta che Mary vi è entrata. A ogni passo i ricordi rischiano di sopraffarla, ma non può fermarsi. Sta cercando gli abiti di famiglia. Non sono abiti qualsiasi. Sono gli abiti delle possibilità, gli abiti delle speranze e dei nuovi inizi. Gli abiti bianchi del battesimo, della prima comunione, del matrimonio. Gli abiti che sua madre Anne, e sua nonna Aurelia prima di lei, hanno conservato gelosamente per anni. Stoffe e ricami che sanno di gioia, di feste e di risate, ma non solo. Perché l'infanzia di Mary non è stata facile, segnata dal rapporto contrastato con la madre Anne, una donna brillante eppure emotivamente vulnerabile. Mary è una giornalista affermata, ma non ha dimenticato gli occhi appannati, i sorrisi assenti che si alternavano agli abbracci pieni d'amore e ai folli pomeriggi alla ricerca dell'abito perfetto per un giorno importante. Adesso che sua madre non c'è più, sa che deve cercare di comprendere la sua vita e i suoi segreti. Per sua madre, ma anche per se stessa. Per farlo deve compiere un viaggio, un viaggio scandito dai dodici abiti bianchi di tre generazioni di donne. Deve tornare a un tempo lontano, a una storia di silenzi, coraggio, paura e voglia di ricominciare. Ma soprattutto alla storia di un amore unico come quello che lega indissolubilmente una madre e una figlia, nel bene e nel male. Un amore in cui tutto, a volte, può essere perdonato.




Ho iniziato a leggere questo libro senza conoscerne la trama e ho capito che si tratta di una biografia solamente andando avanti con le pagine. La parte iniziale della storia è infatti così particolare da apparire estremamente romanzata e molto lontana da fatti realmente accaduti. Anche la vita di Anne, la protagonista nonché madre dell'autrice, è talmente ricca di avvenimenti particolari da sembrare inventata.
Mi è piaciuto molto che la giornalista Mary abbia voluto dedicare l'opera alla figura per lei più importante e ho apprezzato la delicatezza con la quale per tutto il libro viene trattata la malattia della donna: i suoi comportamenti, il suo rapporto con gli altri e il dolore causato alla figlia riescono a coinvolgere il lettore facendo riflettere.
Purtroppo, soprattutto nella seconda parte del romanzo, la narrazione mi è sembrata più lenta e ho fatto un po' fatica ad arrivare alla fine. L'autrice si è persa in descrizioni e si è dilungata su punti che forse potevano essere riassunti in modo diverso. Un altro dettaglio che mi ha fatto storcere il naso è la quasi totale assenza del fratello di Mary nella storia, la sua figura è talmente invisibile da far sembrare la ragazza una figlia unica in molte delle vicende raccontate.
Voto 3/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: La Luna Nera
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Nepal - leggi un libro che abbia nel titolo uno o più colori

lunedì 6 novembre 2017

[Libri] Master Magician di Charlie N. Holmberg




Titolo: Master Magician
Autore: Charlie N. Holmberg
Editore: Fanucci
Formato: eBook
Pagine: 208
ISBN: 9788834732496

Durante il suo lungo apprendistato, Ceony Twill ha tenuto nascosto un segreto al suo stesso mentore, Emery Thane: ha scoperto di poter praticare forme di magia diverse dalla propria, un'abilità da sempre ritenuta impossibile da acquisire. Ormai è giunta al termine del suo percorso e sta per affrontare l'esame finale, ma proprio quando tutto sembra andare per il verso giusto ecco che gli imprevisti si mettono sulla sua strada, complicandole un bel po' la vita. Per allontanare da sé i sospetti di favoritismo, Emery fa testare le qualità di Ceony da un tale Prit, un piegatore che, come tutti sanno, odia il maestro e a cui non importa nulla della sua apprendista. Proprio nel momento in cui un efferato criminale con cui la ragazza ha avuto un tempo a che fare è scappato di prigione e ora è pronto a regolare i conti con il passato. Ceony sa che se vuole evitare la sua vendetta dovrà trovarlo prima che sia troppo tardi, perché colui che ha di fronte è il peggiore dei suoi incubi, il solo in grado di padroneggiare l'unica forma di magia che lei non riesce a dominare.


Ho amato moltissimo i primi due libri della trilogia di Paper Magician, quindi ho rimandato per mesi la lettura del capitolo conclusivo, proprio perché mi dispiaceva abbandonare i personaggi ai quali mi sono affezionata!
Anche stavolta tutto viene lasciato nella mani di Ceony, la giovane apprendista che nel corso degli anni ha imparato a padroneggiare le arti della magia degli elementi. La ragazza continua ad avere un carattere forte e determinato, il suo personaggio mi piace tantissimo ma non ho gradito il suo comportamento nei confronti di Bailey. In quella circostanza l'ho trovata troppo presuntuosa, una caratteristica che non le avrei certo attribuito fino a quel momento.
Emery mi è sembrato sottotono e anche gli altri personaggi principali che abbiamo conosciuto nei volumi precedenti sono stati messi un po' da parte, relegati sullo sfondo della vicenda. La trama di questo capitolo conclusivo mi è sembrata infatti meno avvincente e quasi banale, anche se mi è comunque piaciuto tantissimo come è stata sviluppata.
La narrazione ha il pregio di essere estremamente scorrevole, il che diventa un difetto visto che si fa fatica a separarsi da questo mondo affascinante e ben descritto di una splendida Londra vittoriana. Il finale è scontato ed è proprio quello che ci si aspetta sin dal primo libro, da quel punto di vista non ci sono sorprese e colpi di scena ma è perfetto nella sua semplicità.
Voto 4/5

Partecipo a:
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Madagascar - leggi un libro in cui i protagonisti hanno dei poteri speciali