sabato 19 agosto 2017

[Libri] Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui




Titolo: Tutto il tempo che vuoi
Autore: Francesco Gungui
Editore: Giunti
Formato: eBook
Pagine: 240
ISBN: 9788809860407

Un mutuo per un bilocale in centro, un lavoro da editor in un grande gruppo editoriale, una fidanzata di lungo corso, il progetto di un figlio. Per Franz, 36 anni, la vita, almeno sulla carta, sembrerebbe avviata sui binari giusti. Fino a che tutto crolla all'improvviso: il suo capo gli dà il benservito per aver rifiutato un romanzo erotico che sta scalando le classifiche per la concorrenza, mentre a casa Lucia lo aspetta in lacrime. Di punto in bianco Franz è costretto a inventarsi un piano B e ripartire dal via.
Unica àncora di salvezza: la passione per la cucina. Da ghostwriter a ghostchef, da giovane uomo in carriera ad affittacamere, fino all'incontro con Camilla, madre divorziata di un ragazzino preadolescente, e ancora scottata dalla sua ultima relazione. Ma proprio quando le cose sembrano sul punto di raddrizzarsi, un altro colpo di scena rischia di far saltare completamente i piani di Franz...


Conoscevo l'autore per la trilogia dei Canti delle Terre Divise letta qualche anno fa e devo dire che sono rimasta positivamente colpita dal genere di questo libro, nettamente diverso.
Mi è piaciuto molto il tema trattato e, in particolare, che tutto avvenga dal punto di vista maschile. Il protagonista, Franz, mi è stato da subito simpatico, il suo lavoro di editor lo porta a svolgere costantemente un'analisi di quello che accade a se stesso e a chi gli sta vicino, con risultati molto divertenti per chi legge.
I personaggi femminili invece mi sono piaciuti meno. Lucia è sicuramente la più antipatica, il suo comportamento è riprovevole e ingiustificabile, anche andando avanti non è riuscita a redimersi ai miei occhi. Camilla è migliore ma non è riuscita a convincermi del tutto, il suo atteggiamento spesso sfuggente, infatti, alla lunga è un po' stancante.
Lo stile di scrittura dell'autore è fresco e veloce, il libro non è lunghissimo quindi si legge con facilità.  Purtroppo sono rimasta un po' delusa dal finale che mi è sembrato forse troppo tirato: avrei evitato la parte riguardante Viola che mi è sembrata un po' inutile e troppo slegata dal resto, inoltre proprio non mi è piaciuta la presenza di Lucia. 
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: La Libridinosa - leggi un libro scelto dalla proprietaria del banner

mercoledì 16 agosto 2017

[Libri] Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard




Titolo: Gli anni della leggerezza
Autore: Elizabeth Jane Howard
Editore: Fazi
Formato: eBook
Pagine: 606
ISBN-10: 887625871X
ISBN-13: 9788876258718

È l'estate del 1937 e la famiglia Cazalet si appresta a riunirsi nella dimora di campagna per trascorrervi le vacanze. È un mondo dalle atmosfere d'altri tempi, quello dei Cazalet, dove tutto avviene secondo rituali precisi e codici che il tempo ha reso immutabili, dove i domestici servono il tè a letto al mattino e a cena si va in abito da sera. Ma sotto la rigida morale vittoriana, incarnata appieno dai due capostipiti affettuosamente soprannominati il Generale e la Duchessa, si avverte che qualcosa sta cominciando a cambiare. Ed ecco svelata, come attraverso un microscopio, la verità sulle dinamiche di coppia fra i figli e le relative consorti. L'affascinante Edward si concede svariate amanti mentre la moglie Villy si lacera nel sospetto e nella noia; Hugh, che porta ancora i segni della grande guerra, forma con la moglie Sybil una coppia perfetta, salvo il fatto che non abbiano idea l'uno dei desideri dell'altra; Rupert, pittore mancato e vedovo, si è risposato con Zoë, un'attrice bellissima e frivola che fatica a calarsi nei panni della madre di famiglia; infine Rachel, devota alla cura dei genitori, che non si è mai sposata per un motivo ben preciso. E poi ci sono i nipoti, descritti mirabilmente nei loro giochi, nelle loro gelosie e nei loro sogni, in modo sottile e mai condiscendente, dalle ingenuità infantili alle inquietudini adolescenziali. Ma c'è anche il mondo fuori, e la vita domestica dei Cazalet s'intreccia inevitabilmente con la vita di un paese sull'orlo di una crisi epocale. Mentre le vicissitudini private dei personaggi vengono messe a nudo e vicende grandi e piccole intervengono a ingarbugliare le loro esistenze, si comincia a mormorare di una minaccia che viene dal continente, e che assume sempre più spessore nelle consapevolezze dei protagonisti, fino a diventare tangibile: la seconda guerra mondiale è alle porte. La prosa sapiente di Elizabeth Jane Howard, il suo sguardo acuto e la sua ironia affilata ci accompagnano in queste pagine mano nella mano, fino alla fine del primo libro della saga dei Cazalet, lasciandoci con la voglia di andare avanti.


"Gli anni della leggerezza" è senza dubbio il libro del momento ed è stato uno dei protagonisti delle mie vacanze. Il romanzo si legge con piacere e, nonostante le numerose pagine, scorre velocemente senza nemmeno rendersene conto. Sicuramente gran parte del merito è della narrazione corale: i paragrafi sono brevi e ci sono molti stacchi che spostano l'attenzione del lettore tra i vari membri della famiglia Cazalet e tra le loro diverse situazioni.
Tutto è costruito in modo apparentemente semplice e ho particolarmente apprezzato la bravura dell'autrice nell'interpretare i vari personaggi, così diversi tra loro ma in realtà tutti legati da un filo spesso invisibile. Stranamente, nonostante l'elevato numero di protagonisti, non è difficile orientarsi tra loro e tutti, ognuno a suo modo, riescono ad apparire interessanti agli occhi del lettore. Personalmente non saprei scegliere un preferito e, di contro, nemmeno trovare qualcuno che risulti antipatico, sono infatti tutti perfetti nel loro ruolo, inseriti in una bella ambientazione che ci trasporta in quegli anni e ci fa sentire subito parte del clima familiare che si respira pagina dopo pagina.
Quello che forse manca, in una narrazione ricca di dettagli ma mai noiosa, è un vero colpo di scena, qualcosa che movimenti la situazione in modo evidente. 
Voto: 4,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 4 - leggi un libro nel cui titolo vi sia una parola con una consonante doppia vicina
The Hunting Word Challenge: sabbia (in copertina)
The Goose Reading Challenge: narrativa contemporanea

domenica 13 agosto 2017

[Libri] Come mondi lontani (After 3) di Anna Todd




Titolo: Come mondi lontani (After 3)
Autore: Anna Todd
Editore: Sperling & Kupfer
Formato: eBook
Pagine: 316
ISBN-10: 8820093510
ISBN-13: 9788820093518

La vita di Tessa non è mai stata così complicata. Nulla è come lei pensava che fosse. Né la sua famiglia. Né i suoi amici. L'unico su cui dovrebbe poter contare, Hardin, sembra sempre pronto, con il suo carattere scontroso, a rovinare tutto. Non appena scopre l'enorme segreto che lei gli ha nascosto, diventa furioso e, invece di provare ad essere comprensivo, cerca di ostacolarla in tutti i modi. Così, mentre la partenza per Seattle si avvicina, per Tessa è arrivato il momento di fare una scelta e affrontare la più dolorosa delle domande: Hardin sarà mai in grado di cambiare per lei? Tessa sa che lui la ama e farà di tutto per proteggerla, ma c'è una bella differenza tra non poter vivere senza una persona e amarla. La spirale di gelosia, rabbia e perdono che li lega è esasperante. Eppure Tessa non ha mai provato niente di così intenso per qualcuno, nessun bacio è mai stato così eccitante né un'attrazione così irrefrenabile. L'amore finora è bastato per tenerli insieme. Ma il bisogno che provano l'uno per l'altra sarà più forte di tutti gli ostacoli?


Continua la saga di After ma, a differenza degli altri romanzi, qui l'arco temporale descritto è piuttosto breve, viviamo infatti praticamente tutto ciò che accade nella settimana precedente il trasferimento di Tessa a Seattle. Questo espediente, personalmente, non mi è piaciuto particolarmente perché ha un po' rallentato lo scorrere della trama e, conseguentemente, delle pagine.
La protagonista sembra un po' migliorata, appare meno "succube" di Hardin che, a sua volta, cerca di fare pace con se stesso e tenere a freno la rabbia. Peccato che queste buone intenzioni vengano presto e spesso ignorate. I due continuano a non piacermi, dei nuovi personaggi introdotti in questo libro Richard non mi ha colpita, speravo in un suo maggiore coinvolgimento in modo da movimentare la solita trama ma purtroppo non è stato così. Lillian è probabilmente la più simpatica, mi è piaciuto il suo modo di tenere testa a Hardin, Riley invece mi è sembrata ridicola, l'autrice l'ha resa davvero troppo simile al ragazzo, è buona l'idea di costruire un parallelismo tra le coppie ma per i miei gusti, in questo modo, non è ben riuscita.
Voto: 2,5/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: Romance (3)

martedì 1 agosto 2017

[Libri] La ragazza con l'orecchino di perla di Tracy Chevalier




Titolo: La ragazza con l'orecchino di perla
Autore: Tracy Chevalier
Editore: Neri Pozza
Formato: Paperback
Pagine: 237
ISBN-10: 8873057705
ISBN-13: 9788873057703

Delft, Olanda, XVII secolo. La vita scorre tranquilla nella prospera città olandese: ricchi e poveri, cattolici e protestanti, signori e servi, ognuno è al suo posto in un perfetto ordine sociale. Così, quando viene assunta come domestica in casa del celebre pittore Johannes Vermeer, Griet, una bella ragazza di sedici anni, riceve con precisione il suo compito: dovrà accudire con premura i sei figli dell'artista, non urtare la suscettibilità della scaltra suocera e, soprattutto, non irritare la sensuale, irrequieta, moglie del pittore e la sua gelosa domestica privata. Inesorabilmente, però, le cose andranno in modo diverso... Griet e Johannes Vermeer divideranno complicità e sentimenti, tensione e inganni.


Di questo libro ho trovato bellissima l'idea di costruire il romanzo a partire dal quadro, la fantasia dell'autrice riesce a catapultare il lettore nella vita quotidiana di una famiglia olandese, facendoci conoscere le tradizioni e le abitudini di quello che diventerà uno dei pittori più conosciuti dei Paesi Bassi.
Le descrizioni degli ambienti sono minuziose, possiamo infatti farci un'idea precisa del paese di Delft, dove vivono i protagonisti ma ancora di più riusciamo a essere al fianco di Vermeer quando dipinge nel suo studio, notando tutti i particolari che ricorreranno nei suoi quadri.
Nella storia non ci sono grandi colpi di scena ma non se ne sente la mancanza, avviene tutto in modo così naturale e semplice che non ci si domanda mai cosa potesse essere accaduto se le cose fossero andate in modo differente. Nonostante la narrazione lenta, inoltre, le pagine scorrono veloci come gli anni che passiamo al fianco di Griet, che da giovane acerba sedicenne diventa una donna. Il suo personaggio mi è piaciuto, la ragazza, nonostante la giovane età, deve affrontare numerose tragedie e riesce comunque ad andare avanti, il suo carattere la aiuta a non farsi sottomettere dalla padrona ma, in modo molto intelligente, riesce a tenerle testa pur fingendo di assecondarla.
Vermeer è un personaggio enigmatico e taciturno, a suo modo affascinante, ha il carattere scontroso e imprevedibile tipico degli artisti ed è uno dei pochi che riesce a vedere il potenziale di Griet. L'arte è la passione che unisce il pittore e la sua allieva, che fa da sfondo al loro amore platonico.
Ho trovato particolare la contrapposizione tra Van Leeuwenhoek e Van Rujiven: tanto è gentile e premuroso il primo, nonostante il suo aspetto, quanto è rozzo e viscido il secondo, ben consapevole del suo ruolo di spicco in qualità di mecenate. Il personaggio più antipatico in assoluto è però quello di Cornelia: la bambina si mostra da subito cattiva, prepotente e presuntuosa e non perde queste sue caratteristiche nemmeno crescendo, devo ammettere che mi ha fatto piacere la piccola rivincita che riesce a prendersi Griet nei suoi confronti nel finale.
Voto: 4,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 2 - leggi un libro pubblicato in Italia prima del 2010
The Hunting Word Challenge: perla (nel titolo e in copertina)

lunedì 31 luglio 2017

[Libri] 12 giorni a Natale di Trisha Ashley




Titolo: 12 giorni a Natale
Autore: Trisha Ashley
Editore: Newton Compton
Formato: eBook
Pagine: 317
ISBN-10: 8854187968
ISBN-13: 9788854187962

Il Natale è sempre un momento triste per Holly Brown, che da poco ha perso l'amore della sua vita, così, quando le chiedono di andare a lavorare in una casa isolata nella brughiera del Lancashire, accetta di buon grado per sopravvivere a quei giorni in cui tutti sono felici. Jude Martland è uno scultore e non intende festeggiare il Natale dopo che suo fratello è scappato proprio con la sua fidanzata. È deciso a evitare la casa di famiglia, anche se gli sarà impossibile non tornare per l'occasione in cui si riuniscono al completo. Quando Jude si presenta all'improvviso, la vigilia di Natale, è tutt'altro che felice di scoprire che Holly si sta occupando di organizzare il party a cui sperava di sottrarsi. Ma quando, senza preavviso, una tempesta di neve ricopre tutto il villaggio, Holly e Jude si rendono conto che forse i loro desideri stanno per essere esauditi. E che le odiate feste potrebbero trasformarsi in qualcosa di molto interessante.


I libri a tema natalizio esercitano su di me sempre un certo fascino visto il mio amore per questa festività, purtroppo però spesso sono rimasta delusa. Non è questo il caso poiché la storia è particolare e, grazie a tanti piccoli accorgimenti, riesce a ricreare la sensazione magica tipica del periodo.
Holly, la protagonista, è simpatica e pratica, riesce a far sembrare tutto semplice e, grazie alle sue abilità di chef, fa venire voglia di mettersi ai fornelli. Mi è piaciuto molto che alla fine del volume ci siano tre ricette delle pietanze principali citate nella storia, avrei preferito trovarne qualcuna di più ma mi accontenterò! Ho trovato invece un po' troppo enigmatico e lunatico Jude, inoltre non ho gradito molto la velocità con la quale tutto è improvvisamente avanzato, soprattutto nel finale.
Bella l'idea di iniziare i capitoli con parti tratte dal diario della nonna di Holly, facendoci scoprire la sua vicenda passo passo, però le ho trovate troppo brevi e nel complesso mi è sembrato che il tutto fosse liquidato in modo troppo frettoloso, avrei preferito un'alternanza maggiore tra le due storie e maggiori approfondimenti sulla prima.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Finlandia - leggi un libro che parli del Natale

sabato 29 luglio 2017

[Libri] Un cuore in mille pezzi (After 2) di Anna Todd




Titolo: Un cuore in mille pezzi (After 2)
Autore: Anna Todd
Editore: Sperling & Kupfer
Formato: eBook
Pagine: 480
ISBN-10: 8820093391
ISBN-13: 9788820093396

Dopo il loro incontro, niente è stato più come prima. Superato un inizio burrascoso, tra liti e una passione travolgente, Tessa e Hardin sembravano sulla strada giusta per far funzionare le cose. Ma una sconvolgente rivelazione rimette tutto in discussione. Tessa è fuori di sé, non sa più che fare: la sua vita prima di lui era così semplice e chiara. Ora, dopo di lui, è solo… dopo. Chi è davvero Hardin? Il ragazzo dolce e tormentato di cui si è perdutamente innamorata nonostante tutto? O soltanto un bugiardo senza scrupoli? Per lui, Tessa ha messo tutta la sua vita tra parentesi – l'università, gli amici, il rapporto con sua madre, un bravo ragazzo che l'amava sul serio, e forse perfino una promettente carriera nell'editoria. Ora è arrivato il momento di andare avanti, anche da sola. Ma non è così facile, inseguita dal ricordo delle sue braccia, della sua pelle, dei suoi baci... Hardin sa bene di aver commesso un errore, forse il più grande della sua vita, e non ha intenzione di arrendersi senza combattere. Saprà cambiare? Cambiare... per amore?


Ho iniziato questo libro prevedendo già come sarebbe andata la vicenda e non mi sono sbagliata, purtroppo l'autrice, come già nel primo volume della serie, segue uno schema che continua a ripetersi: i protagonisti litigano, si separano, si riappacificano, passano qualche giorno in armonia e poi ricominciano a bisticciare. Ovviamente ciò toglie molto alla trama visto che già sappiamo cosa aspettarsi e come si risolverà il tutto.
Il mio giudizio su Hardin è rimasto invariato rispetto al libro precedente: è un ragazzo presuntuoso e iracondo, ha un bruttissimo carattere e cambia idea troppo velocemente. Mi ha invece delusa tantissimo Tessa, che è peggiorata nettamente: in After abbiamo conosciuto una brava ragazza studiosa e organizzata, timida, impacciata e molto ingenua, qui diventa eccessivamente disinvolta e disinibita, tanto da passare da un ragazzo all'altro in pochi giorni.
Mi è piaciuto il personaggio di Trish, la madre di Hardin, la sua apparizione nella storia ha reso piacevole la lettura e ho apprezzato molto la sua presa di posizione e il suo non volere giustificare il figlio e i suoi comportamenti a tutti i costi.
La trama purtroppo non ha nulla di avvincente, il racconto procede in modo piuttosto piatto e solo nel finale viene lanciato un tema "nuovo" che sarà sicuramente al centro del terzo volume, sperando che così l'attenzione si sposti dall'ormai noioso rapporto tra i due giovani.
Voto: 2/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: Romance (2)
La Ruota delle Letture: obiettivo 8 - leggi un libro di almeno 400 pagine

giovedì 27 luglio 2017

[Libri] Il libro di Christopher di R.J. Palacio




Titolo: Il libro di Christopher
Autore: R.J. Palacio
Editore: Giunti
Formato: Paperback
Pagine: 128
ISBN-10: 8809816692
ISBN-13: 9788809816695

Christopher e Auggie si conoscono da sempre. Nati nello stesso ospedale, da subito sono diventati migliori amici. In terza elementare, però, Christopher si è trasferito e ha perso un po’ i contatti con Auggie. Adesso sono entrambi in prima media e Christopher non sta vivendo un momento felice: i genitori si stanno separando e sembra che tutto vada storto. Per questo, quando viene a sapere della morte di Daisy, la cagnetta di Auggie, non se la sente di chiamarlo. Non ha voglia di brutti pensieri. Ma a cosa servono gli amici, se non a essere presenti nel momento del bisogno? Ancora una volta sarà Auggie a ricordarlo a Christopher e a noi lettori, con la forza di un personaggio straordinario e di una storia che non smette mai di emozionare.


Questo libro è diverso dai due precedenti della serie perché non riguarda direttamente la storia di August e del suo primo anno alla scuola media, ma è una sorta di appendice, ben scritta e velocissima da leggere, che ci permette di conoscere Christopher, un personaggio che in Wonder appare quasi di sfuggita, nonostante sia il migliore amico del protagonista.
Mi è piaciuta molto l'idea di sviluppare la trama nell'arco di una sola giornata, intervallando lo scandire delle ore con capitoli di "ricordi" che ci aiutano a scoprire i dettagli dell'amicizia tra i due ragazzi e il legame tra le loro famiglie. Ho trovato molto dolce la semplicità del loro rapporto di bambini che si vedono per quello che sono e non per come appaiono fisicamente.
In poche pagine, inoltre, vengono affrontati argomenti complessi e delicati come le discriminazioni e il confronto tra adolescenti e genitori, tutto osservato con gli occhi di un bambino, che qui appare molto più maturo di quanto la sua età suggerisca, un personaggio per il quale si prova subito simpatia.
Voto: 3/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: serie proposta - Wonder Story di R.J. Palacio (3)

mercoledì 26 luglio 2017

[Libri] Il libro di Julian di R.J. Palacio




Titolo: Il libro di Julian
Autore: R.J. Palacio
Editore: Giunti
Formato: Paperback
Pagine: 128
ISBN-10: 8809810279
ISBN-13: 9788809810273

Julian non si capacita di come siano andate le cose nell'ultimo anno scolastico. Era il ragazzo più popolare della classe e si ritrova ad essere escluso dai compagni e costretto a cambiare scuola. Solo per aver fatto delle battute! Ma lui ha sempre fatto dell'ironia, e tutti ridevano, prima! Appena arrivato in classe, Auggie, il nuovo compagno di scuola affetto dalla sindrome di Treacher-Collins, lo aveva veramente turbato. Fin da piccolissimo, infatti, Julian aveva il terrore degli zombi e la faccia deforme di Auggie gli aveva fatto tornare gli incubi infantili. Era questo il vero motivo del suo accanimento. Era stato sospeso da scuola quando il preside aveva scoperto i bigliettini che Julian faceva trovare ad Auggie e al suo ex amico Jack e così non aveva potuto partecipare alla gita scolastica. Un provvedimento che i genitori non avevano mai accettato, accusando la scuola di aver sottovalutato la difficoltà della situazione che l'inserimento di Auggie in classe avrebbe comportato. Durante l'estate, però, Julian scopre una verità sconvolgente sulla sua nonna francese. Lei, ebrea, gli confessa che durante la guerra era stata salvata dallo "storpio" della classe, il "Tartaruga", come lo chiamavano tutti deridendolo. Solo pochi giorni prima di essere deportato egli stesso, perché non "perfetto", le aveva dato il suo primo bacio. Il suo nome era Julian...


Questo libro ci permette di conoscere la storia di Wonder dal punto di vista di un altro personaggio, cioè Julian. Scopriamo infatti molti dettagli del suo passato che ci aiutano a comprendere le sue azioni, anche se per me rimane un atteggiamento ingiustificabile. Non so se l'intenzione dell'autrice fosse quella di redimere il personaggio, ma nel mio caso quanto letto non ha fatto altro che renderlo ancora più antipatico.
Inoltre ho trovata pessima la madre: oltre a quanto avevamo già scoperto sul suo conto nel libro principale, qui il comportamento della donna, sebbene sembri unicamente rivolto a proteggere il figlio, mi è sembrato un chiaro sintomo di ignoranza e supponenza.
Il personaggio migliore è sicuramente la nonna, che conosciamo nella seconda parte della storia: sembra l'unica in grado di ragionare a mente lucida, anche se anche alcuni suoi atteggiamenti mi hanno lasciata perplessa.
Voto: 3/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: serie proposta - Wonder Story di R.J. Palacio (2)

domenica 23 luglio 2017

[Libri] Il suggeritore di Donato Carrisi




Titolo: Il suggeritore
Autore: Donato Carrisi
Editore: Longanesi
Formato: eBook
Pagine: 468
ISBN-10: 8830430021
ISBN-13: 9788830430020

Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che richiede tutta l'abilità degli agenti della Squadra Speciale guidata dal criminologo Goran Gavila. Il loro è un nemico che sa assumere molte sembianze, che li mette costantemente alla prova in un'indagine in cui ogni male svelato porta con sé un messaggio. Ma, soprattutto, li costringe ad affacciarsi nel buio che ciascuno si porta dentro. È un gioco di incubi abilmente celati, una continua sfida. Sarà con l'arrivo di Mila Vasquez, un'investigatrice specializzata nella caccia alle persone scomparse, che gli inganni sembreranno cadere uno dopo l'altro, grazie anche al legame speciale che comincia a formarsi fra lei e il dottor Gavila. Ma un disegno oscuro è in atto, e ogni volta che la Squadra sembra riuscire a dare un nome al male, ne scopre un altro ancora più profondo...


Questo libro è stato il mio esordio con Carrisi e si è rivelato una piacevolissima sorpresa. Mi è piaciuto molto lo stile di scrittura, una narrazione fluida che tiene incollati alle pagine e fa venire voglia di andare avanti per scoprire come si svilupperà la storia, inoltre ho apprezzato particolarmente gli approfondimenti sugli argomenti affrontati, poche righe disseminate tra le pagine che riescono a spiegare l'argomento senza togliere continuità alla trama ma arricchendola di dettagli utili.
Il personaggio di Mila, la protagonista dal passato tormentato, è ben scritto e davvero intrigante, i suoi comportamenti sui generis vengono spiegati poco alla volta, avendo così modo di digerire tutto quanto di brutto l'ha portata ad essere quello che è. Anche gli altri membri della Squadra, seppur in un certo senso secondari, sono ben descritti e riescono ad avere il proprio momento di attenzione, senza prevaricare o stravolgere la vicenda.
Mi ha colpita molto il singolare dettaglio di ambientare la storia in un luogo indefinito: i nomi dei personaggi suggeriscono un contesto straniero ma la mancanza di riferimenti concreti è insolita e pone la massima attenzione sulla trama.
Il caso descritto è infatti molto particolare, l'analisi dell'autore su ambienti e comportamenti è magistrale e, sebbene forse in alcune parti le informazioni fornite siano troppe, si riesce facilmente a incastrare tutto, ovviamente non senza sorprese e colpi di scena davvero inaspettati e mozzafiato.
Voto: 4,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 9 - leggi un libro che abbia vinto il Premio Bancarella
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Italia - leggi un libro di Donato Carrisi

mercoledì 19 luglio 2017

[Libri] La mia vita non proprio perfetta di Sophie Kinsella




Titolo: La mia vita non proprio perfetta
Autore: Sophie Kinsella
Editore: Mondadori
Formato: eBook
Pagine: 407
ISBN-10: 8852078983
ISBN-13: 9788852078989

Katie è una ragazza di campagna di ventisei anni il cui sogno è diventare una londinese con la L maiuscola. Adora la vita della grande metropoli scintillante, ma il punto è che non se la può permettere. Come tante persone della sua età fa fatica ad arrivare alla fine del mese, anzi della settimana, tra stage mal pagati e lavori a termine è sempre a corto di soldi, vive in uno spazio minuscolo in coabitazione con altri ragazzi con cui non va esattamente d'accordo, si veste solo con abiti presi al mercato, mangia come un uccellino, ma nonostante tutto ciò resiste. Katie fa credere a tutti di avere una vita fantastica postando su Instagram foto patinate e modaiole, ma la verità è tristemente un'altra. Lei vorrebbe diventare come Demeter, anzi essere Demeter, la sua responsabile nella famosa agenzia di marketing in cui ora lavora, una quarantenne realizzata nella professione e nella vita, piena di glamour, sicura di sé e molto egocentrica. Ma quando improvvisamente Katie rimane di nuovo senza lavoro, è costretta a tornare a vivere dai genitori nel Somerset. Mortificata, vede svanire il suo sogno di carriera, ma ancora non sa che la partita è tutta da giocare. "La mia vita non proprio perfetta" è una commedia agrodolce che gioca con grande arguzia sul tema dell'apparire. Quante persone al mondo cercano di dare un'immagine di sé che non corrisponde affatto a quella vera, soprattutto sui social?


Lo stile della Kinsella mi piace sempre molto: è giovane, fresco e frizzante e anche in questo nuovo romanzo non si è smentita. La narrazione è infatti molto piacevole e scorre velocemente, la trama è leggera ma i contenuti sono particolarmente attuali e ben sviluppati.
Personalmente non conoscevo il glamping, il "campeggio di lusso" che è alla base di tutta la vicenda ma, grazie al libro e a qualche ricerca, ho scoperto che si tratta di un fenomeno che sta prendendo piede a livello globale.
La protagonista Katie è la classica ragazza che cerca di trovare la sua dimensione nel mondo del lavoro, è da sempre appassionata di branding e sogna una carriera nel marketing, ma si trova davanti al muro della realtà che la vede rimbalzare da un ufficio all'altro nel caos di Londra. Cerca quindi di costruirsi una sua dimensione parallela su Instagram, postando foto patinate di una bella vita immaginaria e riuscendo a sembrare proprio così agli occhi degli altri. Anche in questo caso, giocando con l'ironia, l'autrice riesce a fornirci un'analisi ben salda dei nostri giorni, dove i social media e l'apparire contano spesso più della realtà. Ho trovato questa protagonista molto vera, semplice e simpatica ed è stato facile immedesimarsi in lei e nella sua situazione.
Mi sono piaciuti molto anche i personaggi di Mick e Biddy, il padre e la matrigna, due adulti catapultati in un mondo che avanza veloce: entrambi, a loro modo, cercano di stare al passo con i tempi, appoggiando la figlia e cercando di proteggerla.
Demeter, il capo di Katie, è invece un personaggio che si ama o si odia, è infatti molto particolare e sopra le righe. Si impara a conoscerla e apprezzarla andando avanti nella lettura, anche se non mi ha convinta pienamente.
Purtroppo ho trovato un po' esagerato lo sviluppo della trama, il cambio repentino di situazione che sfocia in un finale forse eccessivamente idilliaco e irreale. Avrei preferito che si restasse un po' più con i piedi per terra come accaduto per buona parte del libro.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 10 - leggi un libro pubblicato nel 2017
The Hunting World Challenge: tacco (in copertina)
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Cile - leggi un libro in cui l'ambientazione principale è un'isola
Sfida di Lettura LPS 2017: luglio - un libro non ancora letto di un autore che ami

venerdì 14 luglio 2017

[Libri] Buonanotte amore mio di Daniela Volontè




Titolo: Buonanotte amore mio
Autore: Daniela Volontè
Editore: Newton Compton
Formato: eBook
Pagine: 280
ISBN-10: 8854175420
ISBN-13: 9788854175426

Valentina Harrison lavora come assistente in un'agenzia pubblicitaria a Milano, con sedi in tutto il mondo. È molto intelligente ma per il suo aspetto poco appariscente passa spesso inosservata: non ha una particolare passione per i vestiti, i tacchi, le borse, lo shopping in generale e, pur amando Milano, preferisce vivere in un paesino di provincia, nella cui tranquillità si abbandona al piacere della lettura. James Spencer, affascinante e snob, vive invece negli Stati Uniti. Quando un problema mette in crisi l'agenzia e James viene convocato a Milano per risolverlo, i due si conoscono e si trovano a lavorare a stretto contatto. Il loro primo incontro è pessimo: lui è il tipico uomo colpito soprattutto dall'aspetto fisico di una donna e quello di Valentina lo lascia semplicemente allibito. Lei se ne accorge e ne è al tempo stesso ferita e irritata. Lui è burbero, spesso le si rivolge con poco garbo. Lei è posata, gentile, calma, attenta ai piccoli gesti. Eppure sin da subito cade vittima del suo fascino... Ma l'obiettivo di James è quello di salvare l'agenzia dai guai in cui versa: una volta capito che Valentina è brava, decide di coinvolgerla nel suo lavoro. E la collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate...


Questo libro ha il pregio di avere una narrazione scorrevole, leggera e molto veloce ma la storia non mi ha convinta molto, l'ho trovata infatti parecchio stereotipata e troppo scontata.
La trama è banale: il classico cliché dell'assistente poco appariscente, imbranata nel vestirsi ma estremamente intelligente che si innamora del suo capo, playboy, bellissimo e perfetto in occasione ma dal carattere scontroso. Questi protagonisti non mi hanno convinta: lei si trasforma all'improvviso e troppo repentinamente, a lui basta un gesto per cambiare completamente carattere. Anche le loro interazioni, soprattutto all'inizio, mi sono sembrate troppo fantasiose, il modo in cui lei risponde a tono ad un suo superiore è molto lontano da quello che dovrebbe accadere nella realtà.
Anche la trama, che in molti punti dovrebbe creare suspense, in realtà è prevedibile, le situazioni si risolvono troppo velocemente e in modo facile, risultando davvero poco realistiche. In ultimo, non mi sono piaciuti i tempi della storia, ci sono dei salti temporali improvvisi che lasciano dei vuoti e non aiutano a mantenere una linearità.
Voto: 2,5/5

Partecipo a:
The Goose Reading Challenge: ladro di punti
The Hunting World Challenge: occhi (in copertina)

martedì 11 luglio 2017

[Libri] Wonder di R.J. Palacio




Titolo: Wonder
Autore: R.J. Palacio
Editore: Giunti
Formato: Paperback
Pagine: 285
ISBN-10: 8809058348
ISBN-13: 9788809058347

"Wonder" è la storia di Auggie, nato con una tremenda deformazione facciale che, dopo anni passati protetto dalla sua famiglia, per la prima volta affronta il mondo della scuola. Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi si siederà di fianco a lui nella mensa? Chi lo guarderà dritto negli occhi? E chi lo scruterà di nascosto facendo battute? Chi farà di tutto per non essere seduto vicino a lui? Chi sarà suo amico? Un protagonista sfortunato ma tenace, una famiglia meravigliosa, degli amici veri aiuteranno Augustus durante l'anno scolastico che finirà in modo trionfante per lui. Il bellissimo racconto di un bambino che trova il suo ruolo nel mondo. Il libro è diviso in otto parti, ciascuna raccontata da un personaggio e introdotta da una canzone (o da una citazione) che gli fa da sfondo e da colonna sonora, creando una polifonia di suoni, sentimenti ed emozioni.


Wonder è un libro che mi ha piacevolmente sorpresa: credo che tutti, ragazzi e adulti, dovrebbero leggerlo perché viene affrontato un argomento complesso e ostico con leggerezza e simpatia. Mi è piaciuta molto la narrazione corale, penso che sia uno dei punti di forza del libro in quanto aiuta ad apprezzare appieno il messaggio che l'autrice vuole comunicarci: in questo modo riusciamo ad avere una visione completa della storia e, allo stesso tempo, la lettura risulta molto scorrevole e gradevole.
Tutti i personaggi, nonostante i capitoli brevi, sono ben caratterizzati e ben inseriti nella vicenda. La trama si sviluppa durante il primo anno di scuola media di August, il protagonista, nato con una serie di malformazioni facciali e, per questo, costretto a vivere quotidianamente sotto l'occhio critico della gente. Il personaggio mi ha convinta, l'ho trovato simpatico e ho apprezzato il suo carattere forte.
Mi sono piaciuti molto anche i suoi genitori, molto umani e per questo inclini a sbagliare, li ho trovati veri ed è stato facile immedesimarsi nella loro situazione. Il personaggio che mi ha colpita di più di tutto il libro è Via, la sorella maggiore di Auggie: la ragazza è sempre vissuta all'ombra del fratello, spesso annullandosi per lui, ma ha una maturità tale da non farlo pesare ai genitori. La sua narrazione è la più malinconica e la più tenera ma riesce anche a mostrare il suo carattere forte e alla fine trova la sua dimensione e il suo riscatto.
Voto: 4,5/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: serie proposta - Wonder Story di R.J. Palacio (1)

venerdì 7 luglio 2017

[Libri] Il segreto di Black Rabbit Hall di Eve Chase




Titolo: Il segreto di Black Rabbit Hall
Autore: Eve Chase
Editore: Rizzoli
Formato: eBook
Pagine: 375
ISBN: 9788858687246

Amber Alton sa che il tempo scorre in modo diverso a Black Rabbit Hall, la grande casa di famiglia dove lei, il suo gemello Toby, i piccoli Kitty e Barnes trascorrono le estati e le vacanze. Vacanze all'insegna della libertà, delle corse scalzi sulla spiaggia o tra i boschi. Il tempo a Black Rabbit Hall è immobile, eterno, nessuno fa caso agli orologi e sembra non accada mai nulla. Eppure una notte tempestosa qualcosa succede, qualcosa di terribile, e niente più è come prima. Sono passati oltre trent'anni quando Lorna arriva a Black Rabbit Hall, decisa a sposarsi in Cornovaglia, in una di quelle maestose e austere residenze che hanno il sapore di un'altra epoca. È un incontro col passato degli Alton, un'immersione totale, sconvolgente, nella stagione felice di una famiglia che sembra essersi dissolta tra le sale ormai fredde e umide, i soffitti crepati, le stanze polverose di quella grande casa. È tra quelle camere che Lorna scopre l'urgenza di capire cosa è accaduto a quei bambini e al tempo stesso di trovare risposte al proprio passato, disseppellendo ricordi e immagini della sua infanzia e della madre adottiva, scavando nei segreti che ancora segnano la sua famiglia.Con un romanzo intriso di atmosfere gotiche, Eve Chase ci conduce in un viaggio affascinante nel cuore di due donne, separate dai decenni eppure irrimediabilmente legate in un nodo di misteri e non detti che avvolge ogni pietra, ogni soglia, ogni gradino di Black Rabbit Hall.


Il libro mi ha ricordato molto lo stile della Morton, la trama infatti unisce segreti e misteri ed è un'alternanza di narrazione malinconica e momenti lieti e spensierati. Le descrizioni di Pencraw Hall sono accurate e danno la sensazione di trovarsi davvero nell'abitazione, è facile immedesimarsi nella storia, gioire e soffrire con la famiglia Alton.
Mi è piaciuto molto come l'autrice sia riuscita a costruire e mantenere ben distinti i caratteri delle due protagoniste: Amber è infatti intraprendente, curiosa e pratica, si ritrova a dover accettare la tragedia che sconvolge la sua vita e ad andare avanti, Lorna invece è più razionale, per certi versi un po' noiosa e sicuramente meno empatica. Il collegamento tra le due ragazze è particolare e per buona parte del romanzo mi sono chiesta quale potesse essere, ho pensato di intuire la soluzione ben prima della rivelazione ma ammetto che i continui colpi di scena mi hanno un po' spiazzata, facendomi apprezzare il libro.
Il finale, arrivati a quel punto, è prevedibile ma probabilmente proprio per questo è gradevole e adatto a quanto raccontato fino a quel momento, dopo tanto dolore penso infatti che una riappacificazione fosse doverosa.
Voto: 4/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 7 - leggi un libro sulla cui copertina sia raffigurato un animale
The Hunting Word Challenge: segreto (nel titolo)
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Portogallo - leggi un libro che abbia in copertina un uccello

lunedì 3 luglio 2017

[Libri] Il circo della notte di Erin Morgenstern




Titolo: Il circo della notte
Autore: Erin Morgenstern
Editore: Rizzoli
Formato: Copertina rigida
Pagine: 460
ISBN-10: 8817055034
ISBN-13: 9788817055031

Appare così, senza preavviso. La notizia si diffonde in un lampo, e una folla impaziente già si assiepa davanti ai cancelli, sotto l'insegna in bianco e nero che dice: "Le Cirque des Rèves. Apre al crepuscolo, chiude all'aurora". È il circo dei sogni, il luogo dove realtà e illusione si fondono e l'umana fantasia dispiega l'infinito ventaglio delle sue possibilità. Un esercito di appassionati lo insegue dovunque per ammirare le sue straordinarie attrazioni: acrobati volanti, contorsioniste, l'albero dei desideri, il giardino di ghiaccio... Ma dietro le quinte di questo spettacolo senza precedenti, due misteriosi rivali ingaggiano la loro partita finale, una magica sfida tra due giovani allievi scelti e addestrati all'unico scopo di dimostrare una volta per tutte l'inferiorità dell'avversario. Contro ogni attesa e contro ogni regola, i due giovani si scoprono attratti l'uno dall'altra: l'amore di Marco e Celia è una corrente elettrica che minaccia di travolgere persino il destino, e di distruggere il delicato equilibrio di forze a cui il circo deve la sua stessa esistenza.


Il vero protagonista di questo romanzo, come si evince già dal titolo, è il Circo della Notte, un meraviglioso spettacolo itinerante molto diverso da quello a cui siamo abituati, che con le sue atmosfere magiche e sfuggenti appassiona il lettore e lo fa sognare. Infatti, grazie all'alternanza dei capitoli, veniamo catapultati tra le tende e gli artisti, riuscendo a sentirci parte della vicenda e reali spettatori.
La narrazione è costantemente pervasa da un'aria di mistero, le atmosfere sono ovattate e evanescenti. La magia che ritroviamo in tutte le pagine è diversa da quella che leggiamo nei classici fantasy, qui è infatti molto più intima e particolare, per alcuni versi anche difficile da comprendere completamente.
I personaggi sono affascinanti, ognuno a suo modo, però personalmente avrei gradito una loro maggiore caratterizzazione. La storia d'amore tra Marco e Celia è un po' debole e mi ha delusa, mi aspettavo di più soprattutto dopo aver letto la trama del libro. Gli ambienti sono descritti in modo tanto dettagliato e l'attenzione è così canalizzata su di essi da penalizzare tutto il resto.
Inoltre, gli sbalzi temporali dei capitoli, soprattutto all'inizio, creano un po' di confusione. In realtà, andando avanti con la vicenda, si riesce a collegare ogni cosa e a creare una linea cronologica ma ammetto che spesso sono dovuta tornare indietro a rileggere le date per avere un'idea chiara di cosa stesse accadendo.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Maldive - leggi un libro che abbia in copertina una o più stelle
La Ruota delle Letture: obiettivo 4 - leggi un libro nel cui titolo vi sia una parola con una consonante doppia vicina
The Goose Reading Challenge: casella 57 - pausa caffé
The Hunting Word Challenge: stelle (in copertina)

martedì 27 giugno 2017

[Libri] After di Anna Todd




Titolo: After
Autore: Anna Todd
Editore: Sperling & Kupfer
Formato: eBook
Pagine: 448
ISBN-10: 8820093197
ISBN-13: 9788820093198

Acqua e sapone, ottimi voti e con un ragazzo perfetto che l'aspetta a casa, Tessa ama pensare di avere il controllo della sua vita. Al primo anno di college, il suo futuro sembra già segnato... Sembra, perché Tessa fa a malapena in tempo a mettere piede nel campus che subito s'imbatte in Hardin. E da allora niente è come prima.Lui è il classico cattivo ragazzo, tutto fascino e sregolatezza, arrabbiato con il mondo, arrogante e ribelle, pieno di piercing e tatuaggi. È la persona più detestabile che Tessa abbia mai conosciuto. Eppure, il giorno in cui si ritrova sola con lui, non può fare a meno di baciarlo. Un bacio che cambierà tutto. E accenderà in lei una passione incontrollabile. Una passione che, contro ogni previsione, sembra reciproca. Nonostante Hardin, per ogni passo verso di lei, con un altro poi retroceda. Per entrambi sarebbe più facile arrendersi e voltare pagina, ma se stare insieme è difficile, a tratti impossibile, lo è ancora di più stare lontani. Quello che c'è tra Tessa e Hardin è solo una storia sbagliata o l'inizio di un amore infinito?
Con oltre un miliardo di lettori online, After si è imposto come fenomeno mondiale. Prima con l'esordio da record su Wattpad, la più grande community online di scrittori self-published, dove ha totalizzato 5 milioni di commenti e 11 milioni di Mi piace. E poi in libreria, in una nuova versione, inedita e ampliata: in corso di pubblicazione in 30 paesi, After è ai primi posti delle classifiche negli Stati Uniti, in Francia, Spagna e Germania e la Paramount Pictures ne ha già acquistato i diritti cinematografici.


Il libro comincia come la solita storia d'amore adolescenziale piuttosto banale: Tessa è una ragazza cresciuta all'ombra della madre autoritaria, costretta ad essere sempre perfetta, Hardin invece è il classico ragazzo ricco ribelle dal passato tormentato, pieno di tatuaggi e piercing, che si fa beffe dell'autorità. Come prevedibile i due, che all'inizio non si sopportano, finiscono per intrecciare una complicata relazione.
Tuttavia, se all'inizio, per quanto scontate, le cose sembrano procedere, dopo poche pagine inizia un tira e molla che alla lunga stanca tantissimo. Entrambi i personaggi sono insopportabili e presentano dei chiari segni di instabilità mentale: lei è una studentessa modello che si scopre ribelle, vuole imporre le proprie regole ma finisce per sottomettersi costantemente al ragazzo, lui oscilla continuamente tra un disperato bisogno di affetto e comportamenti rabbiosi e ossessivi. Tutto ciò si ripete per ogni singola scena del libro, che diventa sempre più banale, pesante e noioso.
Considerato il target di riferimento, le numerose scene di sesso descritte nel romanzo probabilmente sono eccessive e alla lunga stancano, inoltre ho trovato estremamente inverosimile la vita quotidiana dei protagonisti: a diciannove anni riescono a frequentare l'università, vivono da soli e trovano uno stage impegnativo e profumatamente retribuito.
Il libro non migliora nel finale, un colpo di scena che, avendo capito le dinamiche della coppia, in realtà non sorprende e apre la via al secondo volume della serie.
L'unica nota positiva è probabilmente la velocità con la quale si riesce a leggere l'opera, nonostante il numero (eccessivo) di pagine.
Voto: 2/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: Romance (1)
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Repubblica Ceca - leggi un romance

venerdì 23 giugno 2017

[Libri] Tempi duri per i romantici di Tommaso Fusari




Titolo: Tempi duri per i romantici
Autore: Tommaso Fusari
Editore: Mondadori
Formato: eBook
Pagine: 210
ISBN-13: 9788852080265

Stefano ha ventidue anni e una vita tranquilla. Simpatico, belloccio e con la battuta sempre pronta, divide il suo tempo tra le serate a Trastevere con gli amici, il lavoro che non ama particolarmente ma che gli permette di avere una casa tutta per sé, le polpette piene d'amore di mamma e la storia con Michela. Sembrerebbe andare tutto per il verso giusto eppure a Stefano qualcosa non torna. Non può fare a meno di sentirsi incompleto, fuori posto, fuori cuore. Stare con Michela gli ha fatto capire che "con una donna puoi ridere, mangiare, guardarci un film, scoparci tutta la notte, prenderci il caffè insieme e correre comunque il rischio di non amarla". Perché l'amore vero è un'altra cosa. E sta da un'altra parte. Allora succede che ritrovare un dischetto di cartone con sopra disegnato un pettirosso dia uno strattone alla sua vita costringendolo a ripensare a quando, dieci anni prima, era poco più che un bambino. E a ricordare quegli occhi scuri e profondi, quelle lentiggini che diventavano una costellazione, quel modo goffo e particolarissimo di tirarsi da parte i capelli rosso fuoco. Da quel momento niente ha più senso se non andare a cercarla, ovunque sia, rischiando di perdere tutto pur di ritrovarla. Lei, Alice, il pezzo mancante, la ragazzina che ti guardava in un modo che non sai spiegare, in un modo che ti sentivi subito a casa. Perché, davvero, certe volte perdersi diventa l'occasione unica e imperdibile per ritrovarsi. Perché "si possono dimenticare episodi, eventi, parole, canzoni, ma mai le persone che ci hanno fatto del bene".
Tommaso Fusari, romano, classe 1992, è autore della seguitissima pagina Facebook Tempi duri per i romantici. Quello che avete tra le mani, richiesto a gran voce dal popolo della rete attraverso l'hashtag "escistolibro", è il suo primo romanzo.


Non conoscevo l'autore e la sua pagina Facebook, mi sono imbattuta in questo libro dietro suggerimento e, dopo aver scoperto come è nato, l'ho affrontato con curiosità.
Mi è piaciuto lo stile di scrittura scorrevole e giovane che aiuta a stare al passo con i protagonisti, ho trovato molto simpatici i continui riferimenti a canzoni, temi d'attualità e riflessioni più profonde mascherate con ironia, così come ho gradito, nel corso di tutto il libro, i continui flashback che, dal presente, ci riportano agli anni in cui Stefano e Alice erano bambini, alle loro promesse e ai loro sogni: un pezzo alla volta contribuiscono, infatti, a presentarci la loro storia e a farci capire qualcosa di più dei loro caratteri.
I protagonisti sono simpatici, è facile affezionarsi a Stefano e appoggiare la sua decisione, l'autore è bravissimo a descriverci con poche parole mirate ogni suo amico riuscendo a farcelo inquadrare perfettamente, Alice è sicuramente il personaggio più complesso ma anche quello meglio contestualizzato. Inoltre, grazie al modo con cui ci viene posto, per quanto riprovevole il suo comportamento, sono riuscita ad apprezzare anche suo padre.
La trama non è originalissima, è abbastanza scontata in alcuni punti e, purtroppo, spesso esagerata. Mi sono sembrate poco credibili la velocità con la quale Stefano riesce nel suo obiettivo a Torino e la facilità con la quale le cose si sistemano, in molte pagine ho pensato che fosse tutto troppo e che la narrazione procedesse in modo piatto, senza colpi di scena. A malincuore devo ammettere che ho immaginato ben presto, indovinando, quale potesse essere l'epilogo. Tuttavia, benché prevedibile, ho trovato il finale perfetto, essenziale per ristabilire una sorta di equilibrio tra l'eccessiva positività di quanto letto fino a quel momento.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: La Libridinosa - leggi un libro scelto dalla proprietaria del banner

martedì 20 giugno 2017

[Libri] Un semplice gesto di tenerezza di Akli Tadjer




Titolo: Un semplice gesto di tenerezza
Autore: Akli Tadjer
Editore: Garzanti
Formato: Copertina rigida
Pagine: 244
ISBN-10: 881168806X
ISBN-13: 9788811688068

Ci sono mattine in cui ci si sveglia felici. Bastano poche cose, come un raggio di sole che solletica gli occhi e una tazza di caffè fumante che aspetta in cucina. Queste sono le mattine in cui Adèle Reverdy adora girare per Parigi tra i vicoli stretti pieni di botteghe e bistrot. Eppure sente che nella sua vita c'è qualcosa che le manca. O meglio qualcuno. Qualcuno con cui passeggiare lungo la Senna abbracciati. Qualcuno con cui condividere tanta bellezza. Per lei non è mai stato facile trovare un fidanzato. Un po' perché è timida e imbranata e un po' perché il suo è un lavoro piuttosto imbarazzante: lavora nell'agenzia di pompe funebri della sua famiglia. Ma alla festa del suo trentesimo compleanno, mentre il tramonto incendia Montmartre, inaspettatamente incontra il sorriso di Léo. E si sente come se una luce nuova le avesse finalmente trapassato il cuore. Léo è un ex artista di strada che a causa di un incidente ha perso la vista. Ed è per questo che ha una sensibilità speciale, che va oltre la superficie, dove si nascondono i sentimenti più profondi. Lui riesce a capirla come nessun altro. Ogni suo gesto, ogni sua carezza le raccontano qualcosa della sua anima e della tenerezza di un abbraccio. Con Léo, Adéle si sente forte come non lo è mai stata. Tanto forte da lottare per tutto quello che ha conquistato. Perché anche l'amore più vero e profondo deve superare degli ostacoli. Deve dimostrare al mondo la sua unicità. Deve essere protetto come la cosa più rara e preziosa che ci sia.


Questo libro è molto particolare, il tema trattato non è nulla di nuovo ma la protagonista è diversa dalle classiche ragazze che troviamo nei romanzi d'amore. Adéle è infatti da sempre cresciuta a stretto contatto con la morte, subentrando nella gestione dell'impresa di pompe funebri di famiglia alla scomparsa improvvisa dei genitori e l'aria di cinismo che circonda ogni suo pensiero e comportamento è forte e si percepisce continuamente.
Tuttavia, nonostante all'inizio questo atteggiamento diverso mi abbia in un certo senso affascinata, andando avanti con la lettura mi ha stancata: la ragazza infatti è molto pessimista e continua a porsi dubbi anche nei momenti di felicità, vive la sua storia d'amore perfetta ma è preda della gelosia nei confronti di Clara, è profondamente legata alla sorella Rose ma si percepisce continuamente un senso di invidia e inadeguatezza. Ho trovato molto bello invece il personaggio di Leïla, sempre pronta a sfidare le convenzioni e i pregiudizi, sicura si sé e appassionata del proprio lavoro sui generis.
La storia è piacevole e si legge velocemente ma, personalmente, ho trovato piuttosto assurda la decisione di aiutare Léo in modo così repentino e, soprattutto, sono rimasta molto delusa dal finale: totalmente inadatto, troppo netto e senza spiegazioni.
Voto: 3/5

Partecipo a:
The Hunting Word Challenge: farfalla (in copertina)

lunedì 19 giugno 2017

[Libri] La stagione del sangue di Samuel Bjørk




Titolo: La stagione del sangue
Autore: Samuel Bjørk
Editore: Longanesi
Formato: eBook
Pagine: 443
ISBN-10: 8830445851
ISBN-13: 9788830445857

In una bella mattina di sole, sulle sponde del fiordo a sud di Oslo, in una radura tra boschi accesi dai colori autunnali, viene trovato il cadavere di un'adolescente. È nuda, magrissima, distesa su un letto di piume. Intorno a lei una schiera di candele disposte a formare una stella a cinque punte. Non appena si trova davanti questa scena, Holger Munch, il capo dell'unità speciale incaricata di risolvere i delitti più efferati e misteriosi, sa di non avere scelta: dovrà rivolgersi a Mia Krüger. Mia però è fuori dalla squadra. Nonostante i suoi successi, nonostante sappia orientarsi come nessun altro nei meandri oscuri delle menti criminali, i dirigenti della polizia norvegese continuano a ritenerla troppo instabile per affidarle nuovi casi. Perciò hanno deciso di sospenderla dal servizio e le hanno imposto di rivolgersi a uno psicologo, un provvedimento che l'ha fatta di nuovo sprofondare nell'isolamento e nelle manie autodistruttive da cui era da poco riemersa. Ma Holger Munch sa che solo Mia può interpretare il rituale di cui è caduta vittima la ragazza e impedire che chi l'ha sacrificata colpisca ancora. E a costo di inimicarsi i suoi superiori, la richiama nella sua squadra. Inizia così un'incalzante caccia all'uomo, che porterà Mia, Holger e i colleghi a scavare nei segreti inconfessabili di una città apparentemente perfetta, nei traumi di persone sole e abbandonate da tutti, negli abissi della follia e nei recessi più oscuri della rete, mettendo in gioco fino in fondo le proprie carriere, i rapporti personali e persino la vita.


Non avendo letto il precedente libro dell'autore, ho conosciuto qui i componenti della Squadra Omicidi di Oslo e, anche se a volte ho avuto l'impressione che mi mancasse qualche passaggio per capire a fondo i loro comportamenti, sono comunque riuscita a farmi un quadro generale dei loro caratteri.
Il detective Munch mi è piaciuto abbastanza, ho apprezzato la sua caparbietà e la sua fermezza, anche se a volte, soprattutto nelle parti dove continua a piangersi addosso per la ex moglie, l'ho trovato un po' pesante. Molto più interessante è invece il personaggio di Mia, una donna dal passato problematico, spesso sfuggente e rinchiusa nel suo mondo. Ho trovato bella e veritiera la sua analisi psicologica, l'alternarsi di stati di euforia e pensieri rivolti al suicidio, che l'autore ha reso evidenti attraverso azioni e pensieri.
La narrazione è molto scorrevole e lo stile di scrittura è piacevole, la trama è avvincente e ben congegnata, anche se purtroppo in alcuni punti mi è sembrata un po' confusionaria: troppi salti temporali e troppe persone coinvolte direttamente e indirettamente spesso mi hanno fatto un po' perdere il filo e ho dovuto fermare la lettura per collegare il tutto.
Il finale mi ha delusa, il colpo di scena riguardante Miriam per me è stato inutile e probabilmente ha sminuito quello che era appena accaduto e che a mio avviso, per quanto crudele e doloroso, rappresentava la conclusione perfetta di quanto raccontato.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
The Hunting Word Challenge: stagione (parola bonus nel titolo)
La Ruota delle Letture: copertina rossa - leggi un libro la cui copertina sia prevalentemente rossa

sabato 17 giugno 2017

[Libri] Harry Potter e i doni della morte di J.K. Rowling




Titolo: Harry Potter e i doni della morte
Autore: J.K. Rowling
Editore: Salani
Formato: Copertina rigida
Pagine: 701
ISBN-10: 8884518784
ISBN-13: 9788884518781

"Mi apro alla chiusura": è uno dei tanti enigmi lasciati da Silente con cui Harry Potter deve confrontarsi in questo ultimo, settimo libro. E la saga stessa, giunta alla sua conclusione, si apre a sorpresa su nuovi mondi, nel passato e nel futuro: getta la luce della meraviglia su dettagli, personaggi ed eventi che sembravano già noti, rivelandone segreti e significati profondi. Insieme a Harry, nella sua disperata ricerca della verità, un caleidoscopio di avventure apparentemente già vissute, piccoli fatti e grandi eventi, seguendo il filo della consapevolezza che si dipana e si acuisce in un crescendo di emozioni, colpi di scena, perdite e conquiste. La conclusione, piena di luce e vapore, sembra indurre a rileggere tutto dall'inizio, per arrivare a chiudere il cerchio. Mai gli interrogativi sono stati così tanti; mai come in questo ultimo volume si ha la piena soddisfazione di una risposta che vada oltre l'apparenza; mai come in questo episodio l'autrice dimostra la sua capacità di sorprendere i lettori, di alimentare un fuoco d'artificio che non cessa di ammaliare il lettore.


Dopo sette volumi e migliaia di pagine dover lasciare personaggi che ormai sono diventi amici e con i quali ho trascorso tante ore non è così facile e immediato, soprattutto perché, attraverso una narrazione fluida e ricca di dettagli, l'autrice è stata bravissima a farci entrare nella psicologia di ognuno di essi.
Anche in questo capitolo conclusivo della saga la vicenda principale ruota attorno a una leggenda che si rivelerà poi reale e che troverà il suo incastro perfetto. Ho apprezzato tantissimo, infatti, la facilità con la quale sono riuscita a ricollegare tutto, sicuramente mi ha aiutata il fatto di aver letto i libri praticamente di seguito e in un tempo ristretto, ma ogni particolare importante è rimasto impresso e ha trovato finalmente il proprio posto, niente è rimasto in sospeso o in dubbio.
Ho scoperto inoltre, in questo libro come nei predecessori, una forte morale e degli importanti insegnamenti che esulano e superano il mondo magico, nota importantissima se consideriamo il target di riferimento di tutto l'opera.
Mi è dispiaciuto tantissimo perdere tre dei personaggi principali durante la battaglia e purtroppo non mi ha convinta appieno la vicenda di Piton. Il finale con il salto nel futuro forse è un po' troppo immediato e veloce ma sinceramente non saprei proporre una conclusione alternativa degna di tutta l'opera.
Voto: 4/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: Fantasy (7)
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Montenegro - leggete un romanzo Young Adult

giovedì 15 giugno 2017

[Libri] Harry Potter e il Principe Mezzosangue di J.K. Rowling




Titolo: Harry Potter e il principe mezzosangue
Autore: J.K. Rowling
Editore: Salani
Formato: Copertina rigida
Pagine: 591
ISBN-10: 8884516374
ISBN-13: 9788884516374

Harry Potter è solo, sconvolto e preoccupato. Il suo amato padrino Sirius Black è morto, e le parole di Albus Silente sulla profezia gli confermano che lo scontro con Lord Voldemort è ormai inevitabile. Niente è più come prima: l'ultimo legame con la sua famiglia è troncato, perfino Hogwarts non è più la dimora accogliente dei primi anni, mentre Voldemort è più forte, crudele e disumano che mai. Harry stesso sa di essere cambiato. La frustrazione e il senso di impotenza dei quindici anni hanno ceduto il posto a una fermezza e a una determinazione diverse, più adulte. Ma quali sconvolgenti imprese lo attenderanno quest'anno?


In questo sesto episodio della serie, Harry sembra aver finalmente superato il periodo adolescenziale che lo aveva resto tanto irascibile e insopportabile nel precedente volume, qui infatti torna simpatico ed è evidente come sia maturato molto. 
Anche la narrazione riacquista vigore, tanto che molti degli eventi che abbiamo imparato a cercare e aspettare nei vari libri (vedi le partite di Quidditch o la celebre festa di Halloween) sono messi decisamente in secondo piano dall'azione che vede i protagonisti sempre più impegnati e vicini allo scontro diretto con Voldemort. 
Mi è piaciuta molto la parte dedicata agli Horcrux e come l'autrice sia riuscita a ricollegarla benissimo agli eventi che abbiamo già incontrato nei romanzi precedenti, tutto ha infatti un filo logico e dopo migliaia di pagine non è così scontato aspettarselo!
Ovviamente, mi sembra quasi scontato dirlo, fiumi di lacrime versati per la perdita di uno dei personaggi cardine e tanta rabbia verso il suo assassino, che già facevo fatica a sopportare visto il modo magistrale con il quale la Rowling ha saputo descriverlo e caratterizzarlo.  
Voto: 4/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: Fantasy (6)

domenica 11 giugno 2017

[Libri] La ragazza con la bicicletta rossa di Monica Hesse




Titolo: La ragazza con la bicicletta rossa
Autore: Monica Hesse
Editore: Piemme
Formato: Copertina rigida
Pagine: 298
ISBN-10: 885664780X
ISBN-13: 9788856647808

È l'inverno del 1943 ad Amsterdam. Mentre i cieli europei sono sempre più offuscati dal fumo delle bombe, Hanneke percorre ogni giorno, con la sua vecchia bicicletta rossa, le strade della città occupata. Ma non lo fa per gioco, come ci si aspetterebbe da una ragazzina della sua età. Hanneke è una "trovatrice", incaricata di scovare al mercato nero beni ormai introvabili: caffè, tavolette di cioccolato, calze di nylon, piccoli pezzetti di felicità perduta. Li consegna porta a porta, e lo fa per soldi, solo per quello: non c'è tempo per essere buoni in un mondo ormai svuotato di ogni cosa. Perché Hanneke, in questa guerra, ha perso tutto. Ha perso Bas, il ragazzo che le ha dato il primo bacio, e ha perso i propri sogni. O almeno così crede. Finché un giorno una delle sue clienti, la signora Janssen, la supplica di aiutarla, e questa volta non si tratta di candele o zucchero. Si tratta di ritrovare qualcuno: la piccola Mirjam, una ragazzina ebrea che l'anziana signora nascondeva in casa sua... Hanneke, contro ogni buon senso, decide di cercarla. E di ritrovare, con Mirjam, quella parte di sé che stava quasi per lasciar andare, la parte di sé in grado di sperare, di sognare e di vivere.


Questo libro mi è piaciuto molto perché pone un punto di vista diverso e per me nuovo sul periodo dell'occupazione nazista. Qui infatti siamo ad Amsterdam e la protagonista non è ebrea ma si trova, per una serie di motivi e circostanze, a stretto contatto con la realtà delle deportazioni e della resistenza.
Attraverso il filo principale si dipanano vicende e collegamenti che ci permettono di ricostruire la realtà, tutte le persone che incontriamo via via sul cammino di Hanneke si inseriscono nel suo percorso di crescita personale e di espiazione per il senso di colpa che la accompagna dalla morte del fidanzato Bas. I temi trattati sono vari e tutti importanti, ma grazie alla narrazione scorrevole e alla semplicità con la quale vengono presentati non risultano pesanti.
Il romanzo è stato una continua sorpresa fino ad arrivare al colpo di scena finale, per me davvero inaspettato, e ho apprezzato molto i tempi, non dover aspettare troppe pagine per soddisfare la propria curiosità e trovare il filo logico che unisce tutti i personaggi.
Voto: 4,5/5

Partecipo a:
The Hunting Word Challenge: bicicletta (nel titolo e in copertina)
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Canada - leggete un romanzo con delle foglie nella cover

venerdì 9 giugno 2017

[Libri] Harry Potter e l'Ordine della Fenice di J.K. Rowling




Titolo: Harry Potter e l'Ordine della Fenice
Autore: J.K. Rowling
Editore: Salani
Formato: Copertina rigida
Pagine: 807
ISBN-10: 8884513448
ISBN-13: 9788884513441

Quindicenne alle prese con improvvisi scoppi d'ira, la voglia di cambiare il mondo e le prime, cocenti, passioni amorose, Harry Potter sta per tornare alla Scuola di Alta Stregoneria di Hogwarts, dove frequenterà il quinto anno. Già infastidito dalle noie adolescenziali, il ragazzino è reduce da una noiosa estate con gli spregevoli Dursley e non vede l'ora di tornare alla movimentata vita degli apprendisti maghi. E, di certo, le avventure non mancheranno... Tessendo un'altra stupefacente trama, J.K. Rowling, questa volta dà voce alle inquietudini dell'adolescenza, mettendo in guardia contro la stupidità del potere e di chi lo usa per combattere il talento, il coraggio, la fantasia e la diversità.


Di tutti i libri della serie letti finora, questo è sicuramente quello che mi è piaciuto meno. L'ho trovato molto lungo e prolisso, in alcune parti anche un po' noioso. A differenza degli altri volumi, le parti dove c'è più azione sono relegate nelle ultime pagine e sono comunque solo funzionali a ciò che accadrà nei romanzi successivi.
Harry qui diventa antipatico, è in piena fase adolescenziale (primo bacio compreso) e si nota in modo estremamente chiaro: si mostra presuntuoso, non rispetta gli ordini e, in un certo senso, non fa altro che creare confusione. Ron e Hermione sono un po' sottotono, la Umbridge è davvero odiosa ma è il personaggio riuscito meglio perché riesce perfettamente nell'intento per il quale è stato inserito.
La morte di uno dei personaggi principali arriva all'improvviso e un po' mi ha destabilizzata, però è collocata in un contesto adatto ed è la leva che dà il via a una serie di conseguenze, quindi è un espediente che ho trovato utile e quasi necessario per movimentare e rendere maggiormente credibile tutta la vicenda.
Voto: 3/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: Fantasy (5)

mercoledì 7 giugno 2017

[Libri] Viaggiare in giallo di AA. VV.



Titolo: Viaggiare in giallo
Autore: AA. VV.
Editore: Sellerio
Formato: Paperback
Pagine: 302
ISBN-10: 8838936285
ISBN-13: 9788838936289

Il delitto di viaggio è un classico della letteratura poliziesca, che ha sempre sfidato l'inventiva degli scrittori. Senza un luogo stabile e ripetute abitudini, fuori da strade e case conosciute, lontano da vicini invadenti, l'investigatore deve sfoderare tutta la sua astratta capacità razionale e la più pura intuizione per trovare il filo della matassa.
Però, la novità è che oggi viaggiano tutti, il viaggio è di massa e quotidiano, non ci sono solo Orient Express e giri alle Piramidi in cui annidare degli eleganti misteri. Gli enigmi dell'indagine sono complicati, movimentati, resi anche più ironici dall'estrema varietà capricciosa delle nostre offerte turistiche. E questa raccolta ne copre le più diverse tipologie.


Dei sei autori della raccolta conoscevo solamente Manzini e Malvaldi e quindi mi sono ritrovata a scoprire la maggior parte dei personaggi per la prima volta.
Il primo racconto è quello incentrato su Rocco Schiavone: mi è piaciuto ritrovare, in poche battute, la classica irriverenza del vicequestore, soprattutto rapportato all'anatomopatologo Fumagalli il personaggio dà il meglio di sé! Il caso però mi è sembrato un po' banale ed è stato molto facile - forse troppo - individuare il colpevole. La storia con protagonista Massimo, il gestore del BarLume, ha molto potenziale ma personalmente mi è sembrata sviluppata male, non ho ritrovato la freschezza dei personaggi che ricordavo e alla fine mi è sembrata un po' confusionaria.
Degli altri racconti ho apprezzato molto l'idea di Recami di affidare la narrazione agli occhi di un bambino, anche se alcune osservazioni mi sono sembrate poco adatte all'età descritta; ho trovato troppo lungo ed esagerato il racconto di Savatteri, nonostante l'intrigo internazionale sia un tema sempre particolarmente affascinante; la vicenda descritta da Robecchi è quella che mi è piaciuta meno, per me poco adatta al tema principale, noiosa, con personaggi piatti e poco simpatici.
Mi è piaciuto molto, invece, il caso descritto nell'ultimo capitolo, l'ho trovato interessante e coinvolgente, nonostante le poche pagine. L'ispettrice Petra Delicado della Gimenéz-Bartlett è diversa dai soliti investigatori e il punto di vista di una donna è il dettaglio vincente che aggiunge sicuramente qualcosa alla narrazione.
La suddivisione in racconti brevi e autoconclusivi è un punto a favore per una lettura veloce e adattissima all'estate. Anche il tema del viaggio è avvincente e, in molti casi, è sviluppato bene. Probabilmente avrei apprezzato di più alcuni autori se avessi già avuto modo di conoscere i retroscena dei loro protagonisti ma, in generale, il libro non mi è dispiaciuto.
Voto: 3/5

Partecipo a:
La Ruota delle Letture: obiettivo 14 - leggi un libro tra i primi 5 della classifica di Narrativa Italiana di ibuk.it

domenica 4 giugno 2017

[Libri] La Biblioteca delle Anime di Ransom Riggs



Titolo: La biblioteca delle anime
Autore: Ransom Riggs
Editore: Rizzoli
Formato: eBook
Pagine: 398
ISBN-10: 8858686101
ISBN-13: 9788858686102

L'avventura cominciata con "Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali" e proseguita con "Hollow City" trova, in questo terzo libro, un finale eccitante, pieno di suspense. Jacob, il protagonista sedicenne che ha appena scoperto di essere dotato di un nuovo, straordinario potere, intraprende un rocambolesco viaggio per andare a salvare i suoi amici Speciali tenuti prigionieri in una fortezza apparentemente inespugnabile. Con lui ci sono l'adorata Emma Bloom, la ragazza capace di creare il fuoco con la punta delle dita, e Addison MacHenry, il cane dotato del fiuto giusto per seguire la traccia lasciata dagli Speciali rapiti. Insieme, i tre si lasciano alle spalle la Londra moderna per infilarsi nei vicoli labirintici di Devil's Acre, i bassifondi più abietti dell'Inghilterra vittoriana: infatti, sarà proprio qui che il destino dei ragazzi Speciali di ogni luogo ed epoca dovrà essere deciso una volta per tutte.


Il terzo libro della trilogia di Miss Peregrine inizia con Jacob, Emma e il cane Addison che si spostano dalla metropolitana della Londra moderna a Devil's Acre, un anello temporale di epoca vittoriana dove regnano povertà e disperazione. Per i primi capitoli assistiamo a una lunghissima parte descrittiva che, a mio parere, rallenta molto la narrazione e poteva sicuramente essere ridotta. Inoltre, il trio dei protagonisti risente molto dell'assenza degli altri Speciali e un po' annoia, non riuscendo a reggere da solo la scena. Fortunatamente lo stile avventuroso e scorrevole di Riggs ritorna nelle pagine successive.
Dei nuovi personaggi introdotti in questo volume conclusivo, Sharon è interessante: è un moderno Caronte dal passato oscuro, particolarmente misterioso, che sembra oscillare costantemente tra il bene e il male. Peccato che non sviluppi a pieno il suo potenziale e, andando avanti con la lettura, si perda nella narrazione. Non mi è piaciuto molto, invece, Bentham: l'ho trovato da subito poco convincente e doppiogiochista, l'autore però è bravissimo a lasciarci il dubbio per la maggior parte della narrazione, facendolo oscillare costantemente tra le due fazioni.
Ho trovato molto affascinante e davvero fantasiosa l'idea del Panellopticon che raccoglie tutti gli anelli e ingegnosa la leggenda di Abaton e della Biblioteca delle Anime, però alcune scene sono un po' forzate e, soprattutto l'ultima parte, mi è sembrata parecchio pasticciata, come se l'autore avesse talmente tante idee da non riuscire a fare una selezione, finendo per metterle tutte nel romanzo!
La vera parte dolente, mio malgrado, è il finale. Sin dal primo libro della serie mi sono infatti chiesta come si sarebbe risolto il dubbio esistenziale di Jacob, diviso tra due vite. Alla fine arriva la risposta ma la soluzione escogitata dall'autore mi ha molto delusa, ricorrendo a un espediente piuttosto ridicolo si cerca infatti di accontentare tutti ma avrei infatti preferito una presa di posizione netta.  
Voto: 3/5

Partecipo a:
Leggendo SerialMente: serie proposta - Miss Peregrine di Ransom Riggs (3)
La Ruota delle Letture: obiettivo 6 - leggi un libro che parli di viaggi
Il Giro del Mondo in 80 Libri: Tailandia - leggi un libro che parli di cani

martedì 30 maggio 2017

[Libri] Tutta colpa di un fulmine di Arianna Leoni




Titolo: Tutta colpa di un fulmine
Autore: Arianna Leoni
Editore: Mondadori
Formato: eBook
Pagine: 158
ISBN-10: 8852079319
ISBN-13: 9788852079313

Virginia pensa che i maschi siano creature maleodoranti che ascoltano musica trash, studiano il minimo e alle ragazze fanno complimenti romantici come il morbillo. Suo fratello gemello Leon pensa che le femmine siano secchione, perfettine, frignone e divertenti come una verifica a sorpresa. Ma cosa sanno davvero i ragazzi delle ragazze e viceversa? A causa di un fulmine Virginia e Leon si ritrovano l'uno nel corpo dell'altra. Brufoli compresi. Virginia teme che il nuovo Leon possa rovinarle la media scolastica e Leon è costretto a una sessione di shopping (con tanto di sfilata!), prima di convincersi che maschi e femmine non sono poi così diversi. Ma, anzi, hanno tante cose da dirsi...


Questo libro mi ha sorpresa, mi aspettavo una storia banale e indirizzata esclusivamente agli adolescenti, invece ho trovato i personaggi molto simpatici e piuttosto maturi per la loro età. L'autrice è stata brava a interpretare i loro pensieri senza cadere negli stereotipi, l'espediente del fulmine è un po' banale e già visto ma è la scusa per introdurre argomenti ben più profondi, cioè le differenze tra maschi e femmine in pensieri e comportamenti, i loro dubbi e le incertezze dell'età.
I protagonisti, Virginia e Leon, mi sono piaciuti, così come ho apprezzato i vari compagni di scuola che gli ruotano attorno, tutti ben caratterizzati. Queste figure non sono poi così diverse da quelle che abbiamo incontrato tutti, almeno una volta, durante la nostra carriera scolastica e ciò mi ha fatto pensare che anche se gli anni scorrono e la tecnologia avanza, quello che passa nella mente dei ragazzi sia, a grandi linee, in realtà sempre lo stesso: a 13 anni si pensa alla fine delle medie e alla nuova vita alle superiori, si sogna di diventare grandi, si sperimentano le prime cotte e ci si confida con i migliori amici. Questo romanzo per qualche ora mi ha fatto tornare indietro nel tempo e mi ha lasciato il sorriso sulle labbra.
Voto: 3,5/5

Partecipo a:
The Hunting Word Challenge: fulmine (nel titolo e in copertina)