domenica 27 novembre 2022

[Libri] Amore, zucchero e una tazza di caffè di Julie Caplin

Titolo: Amore, zucchero e una tazza di caffè
Autore: Julie Caplin
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 352
ISBN: 9788822771797

Lucy ha l'impressione che la sfortuna la stia perseguitando. Non solo ha perso il lavoro dei sogni in uno dei più begli hotel di Londra, ma l'uomo che amava le ha spezzato il cuore, tradendo in modo irreparabile la sua fiducia. Al momento nessun luogo le sembra abbastanza lontano dai brutti ricordi, e così accetta l'offerta di trasferirsi in Islanda per occuparsi della gestione del Northern Lights Lodge, un delizioso albergo isolato da tutto, perfetto per godersi la magia delle aurore boreali. Con l'unica compagnia di Alex, il taciturno barista dell'hotel, Lucy si mette d'impegno perché il Northern Lights Lodge cominci ad attrarre turisti in cerca di una romantica meta da sogno. E nonostante abbia messo il cuore sottochiave dopo la recente rottura, dovrà fare in modo che le coppie di innamorati vivano un'emozione indimenticabile durante il loro soggiorno. Lucy ancora non lo sa, ma l'incanto dei cieli stellati islandesi potrebbe essere il segreto per ritrovare la felicità. E, forse, persino il coraggio che le serve per ricominciare ad amare.


Questo libro è un classico romance ma l'ho trovato divertente e poco prevedibile. 
Il punto di forza dell'opera è sicuramente l'ambientazione: tutta la storia, infatti, si svolge in Islanda, un paese dalle caratteristiche peculiari che l'autrice ha saputo rendere benissimo. Ho apprezzato i piccoli dettagli in merito alle bellezze paesaggistiche del posto, tradizioni e folklore che risultano perfettamente integrati nella trama. 
Mi è piaciuta anche l'idea di svolgere la narrazione in un hotel, analizzandone i problemi e l'organizzazione dietro le quinte. I due protagonisti Lucy e Alex hanno svolto bene il loro ruolo, con il giusto mix di suspense, romanticismo e ironia. Ho trovato interessanti anche i personaggi secondari e spero di leggere presto anche un romanzo dedicato a Hekla o Elin.
Questo è il secondo titolo della Caplin che leggo e sicuramente andrò avanti con altri suoi scritti vista la sua capacità di descrivere minuziosamente i luoghi e, in questo modo, rendere il lettore parte della storia. 
Voto: 4,5/5



Chaining the book
Sarà un'Odissea: fai una catena individualmente con libri che abbiano un mezzo di trasporto raffigurato in copertina

sabato 26 novembre 2022

[Libri] La ragazza del collegio di Alessia Gazzola

Titolo: La ragazza del collegio
Autore: Alessia Gazzola
Editore: Longanesi
Pagine: 304
ISBN: 9788830455108

Alice è tornata dopo un intenso periodo vissuto a Washington insieme a Claudio Conforti, e c'è una ragione precisa dietro la decisione della coppia più scintillante della medicina legale. Per Claudio, infatti, questa è l'occasione della vita: la Wally sta per andare in pensione e la corsa alla successione in qualità di direttore dell'istituto sembra aperta e subito chiusa: CC appare come la persona ideale per assurgere al ruolo di nuovo «Supremo» dell'istituto. Ma, mentre lo scatto di carriera di Claudio, contro ogni previsione, si rivela tutt'altro che facile, Alice – ora medico legale praticante a tutti gli effetti – si trova coinvolta non in uno ma in ben due casi che presto si dimostrano in grado di mettere alla prova il suo ben noto fiuto investigativo. Da un lato, l'incidente stradale di cui è vittima una giovane studentessa di un prestigioso collegio potrebbe nascondere qualcosa di più terribile della semplice fatalità, anche perché il colpevole è fuggito e sembra impossibile stanarlo. E dall'altro c'è di mezzo un bambino smarrito che non parla e di cui non si sa bene nemmeno l'età. Spinta dalla sua naturale empatia, e da una buona dose di voglia di ficcanasare, Alice si troverà coinvolta dalle due vicende, molto più intimamente di quanto lei (e CC stesso) si potevano mai immaginare.


Per me è sempre un piacere ritrovare Alice Allevi, una protagonista che ho imparato ad apprezzare libro dopo libro. Ho centellinato la lettura della serie fino ad arrivare a questo (per ora) ultimo volume, che ho affrontato con curiosità ma anche con un po' di malinconia, sapendo di dover salutare questi personaggi diventati ormai così familiari.
Lo stile di scrittura della Gazzola mi piace sempre moltissimo: è coinvolgente, ironico nel modo giusto ma anche riflessivo e profondo quando vengono affrontati argomenti difficili come in questo caso, dove si parla di bambini. 
La storia raccontata, infatti, non si ferma solo alla ragazza che dà il titolo all'opera ma si allarga in una fitta maglia di correlazioni e sorprese più o meno prevedibili. Anche in questo caso ho apprezzato il bel lavoro di approfondimento fatto dall'autrice, che emerge nei dettagli medici e scientifici. 
Il finale, per me, è stato commovente e spero vivamente che, come lasciato intendere nei ringraziamenti, prima o poi il medico legale torni nuovamente a regalarci un'altra delle sue avventure. 
Voto: 4,5/5



Chaining the book: leggi un romanzo pubblicato nel 2020 o nel 2021
Sarà un'Odissea: leggi in due mesi minimo 500 pagine di uno o più libri narrati in prima persona

venerdì 25 novembre 2022

[Libri] Come quando fuori piove di Beatrice P.

Titolo: Come quando fuori piove
Autore: Beatrice P.
Editore: Words Edizioni
Pagine: 540
ISBN: 9788831481717

Cosa succede quando quello che pensavi fosse l’amore della tua vita tradisce la tua fiducia? Intendo, cosa succede dopo che gli hai lanciato la sedia della scrivania dritta in faccia?
A queste domande cerca di dare una risposta Laura, per gli amici Lali, quando si trova con il cuore in pezzi. E a frantumarglielo è stato Tazio, l’amore con la A maiuscola, lo stesso che da mesi cerca in tutti i modi di farle capire quanto sia pentito. Ma se all’improvviso uno sconosciuto, arrogante e drammaticamente sbagliato, facesse barcollare ogni sua convinzione? Uno come Francesco, ad esempio, l’ombroso ragazzo tatuato che sembra essere un errore vivente, il cliché del maschio alpha che porta con sé solo scompiglio e che nemmeno si sa da dove sia venuto.
Così, Lali si trova a un bivio: sceglierà di fare un passo indietro, tornando a crogiolarsi nella sicurezza di un sentimento sbocciato anni prima tra feste dopo la scuola e occupazioni studentesche, o di gettarsi nello sfacelo?


Questo libro è l'esordio dell'autrice e, a tratti, ciò si percepisce nella narrazione anche se, nel complesso, il testo è scorrevole e lo stile di scrittura molto semplice.
Purtroppo non sono riuscita a empatizzare con i protagonisti: alla base della trama c'è un triangolo amoroso che segue il classico schema del romance e diventa spesso prevedibile, quindi non mi ha colpita più di tanto proprio perché non sono riuscita a trovare dettagli positivi nei personaggi principali. Lali, Tazio e Francesco sono ben caratterizzati ma le loro figure si discostano tanto dal mio pensiero, anche se ho trovato alcuni passaggi piacevoli e simpatici da leggere. 
Rispetto a loro ho apprezzato maggiormente Nina e Ciubbe e non nascondo che mi piacerebbe leggere un'opera dedicata interamente a loro due. 
Inoltre, mi ha incuriosita il secondo romanzo dell'autrice, del quale troviamo uno stralcio in fondo al testo, incentrato su Cassandra e Mattia, due personaggi che qui sono rimasti un po' nell'ombra, emergendo solo nel finale e che, secondo me, potrebbero riservare sorprese interessanti.
Voto: 3/5



Chaining the book
Sarà un'Odissea: fai una catena individualmente con libri che abbiano un mezzo di trasporto raffigurato in copertina

giovedì 24 novembre 2022

[Libri] Teddy di Jason Rekulak

Titolo: Teddy
Autore: Jason Rekulak
Editore: Giunti Editore
Pagine: 416
ISBN: 9788809959699

Teddy è un dolce bambino di cinque anni, intelligente e curioso, che ama disegnare qualsiasi cosa: gli alberi, gli animali, i genitori e, occasionalmente, anche la sua amica immaginaria, Anya, che dorme sotto il suo letto e gioca con lui quando è da solo. Ma ora a occuparsi di lui per tutta l’estate c’è Mallory, la nuova babysitter. I due si sono piaciuti fin dal primo incontro, tanto che il signor Maxwell non ha potuto opporsi all’assunzione della ragazza, che nonostante la giovane età ha dei difficili trascorsi con la droga. All’apparenza tutto è perfetto: i Maxwell sono gentili e comprensivi, la loro casa sembra uscita direttamente dalla copertina di una rivista e le giornate sono scandite da una routine serena, che comprende giochi, pisolini e bagni in piscina. Fino a quando i disegni di Teddy cominciano a cambiare, diventano sempre più strani, cupi, quasi macabri e rivelano un tratto decisamente troppo complesso per un bambino di quell’età. Che cosa sta succedendo? Per Teddy è colpa di Anya, è lei a dirgli cosa rappresentare e a guidare la sua mano. Qualcosa non va e, anche se può sembrare una follia, solo Mallory può scoprire la verità prima che sia troppo tardi. Un thriller che sconfina nel paranormale e che, grazie alla forza espressiva delle illustrazioni, vi sorprenderà, pagina dopo pagina, in un inquietante crescendo, fino all’imprevedibile colpo di scena finale.


La copertina di questo libro mi aveva incuriosita e intimorita allo stesso tempo ma non so se lo avrei letto se non fosse stato per un GdL. Il mio giudizio finale è medio, sicuramente non ho trovato il capolavoro che tanti hanno osannato ma, nel complesso, la lettura è stata coinvolgente e molto scorrevole.
Ciò che mi è piaciuto di più è stata sicuramente l'idea di inserire all'interno dei capitoli i disegni descritti nel testo: questo espediente ha creato la giusta inquietudine anche se mi aspettavo molta più suspense e ansia rispetto a quanto provato. 
I personaggi sono ben descritti ma molti dettagli stridono, sono lasciati in sospeso e non vengono approfonditi.
Nella parte finale c'è un grande colpo di scena che personalmente non avevo intuito e che ha fatto guadagnare qualche punto all'opera, invece non mi ha convinta la parte paranormal che si insinua lentamente e rimane fino alla conclusione.
Voto: 3/5



Sarà un'Odissea: GdL

martedì 22 novembre 2022

[Libri] Figlia della cenere di Ilaria Tuti

Titolo: Figlia della cenere
Autore: Ilaria Tuti
Editore: Longanesi
Pagine: 350
ISBN: 9788830451568

«La mia è una storia antica, scritta nelle ossa. Sono antiche le ceneri di cui sono figlia, ceneri da cui, troppe volte, sono rinata. E a tratti è un sollievo sapere che prima o poi la mia mente mi tradirà, che i ricordi sembreranno illusioni, racconti appartenenti a qualcun altro e non a me. È quasi un sollievo sapere che è giunto il momento di darmi una risposta, e darla soprattutto a chi ne ha più bisogno. Perché i miei giorni da commissario stanno per terminare. Eppure, nessun sollievo mi è concesso. Oggi il presente torna a scivolare verso il passato, come un piano inclinato che mi costringe a rotolare dentro un buco nero. Oggi capirò di dovere a me stessa, alla mia squadra, un ultimo atto, un ultimo scontro con la ferocia della verità. Perché oggi ascolterò un assassino, e l’assassino parlerà di me.» Dopo "Fiori sopra l’inferno" e "Ninfa Dormiente", torna il commissario Teresa Battaglia in una storia intrisa di spietatezza e compassione, di crudeltà e lealtà, di menzogna e gentilezza. L’indagine più pericolosa per Teresa, il caso che segna la fine di un’epoca.


A differenza dei precedenti volumi, questo libro è totalmente incentrato sul personaggio di Teresa Battaglia, infatti anche il caso trattato la riguarda direttamente. Proprio per questo è il titolo che mi è piaciuto maggiormente di tutta la serie: anche se si discosta un po' dal classico schema usato dall'autrice, finalmente svela tanti dettagli del passato della donna rimasti finora in sospeso e solo accennati velocemente. 
Attraverso salti temporali di 27 anni che si alternano tra i capitoli viene ripercorsa l'indagine più  importante del commissario, che si incrocia con il momento peggiore della sua vita. Non nascondo che il capitolo 51 sia stata un vero e proprio pugno nello stomaco che, grazie alla magistrale scrittura e alla capacità descrittiva cruda e diretta della Tuti, mi ha particolarmente colpita e fatta soffrire insieme alla protagonista.
Stranamente le parti storiche, dedicate in questo caso al IV secolo e alla storia di Aquileia, non mi hanno appassionato e, anzi, spesso hanno rappresentato un'interruzione poco gradita rispetto alla trama principale che, andando avanti nella lettura, mi ha coinvolta sempre di più. 
Purtroppo ho trovato prevedibili alcuni passaggi che dovrebbero rappresentare dei colpi di scena. 
Voto: 4,5/5



Sarà un'Odissea: leggete e concludete una o più serie che non avete portato a termine (timestrale)

domenica 20 novembre 2022

[Libri] Quando le montagne cantano di Nguyễn Phan Quế Mai

Titolo: Quando le montagne cantano
Autore: Nguyễn Phan Quế Mai
Editore: Nord
Pagine: 384
ISBN: 9788842933526

Dal loro rifugio sulle montagne, la piccola Huong e sua nonna Dieu Lan sentono il rombo dei bombardieri americani e scorgono il bagliore degli incendi che stanno devastando Hanoi. Fino a quel momento, per Huong la guerra è stata l'ombra che ha risucchiato i suoi genitori, e adesso quell'ombra sta avvolgendo anche lei e la nonna. Tornate in città, scoprono che la loro casa è completamente distrutta, eppure non si scoraggiano e decidono di ricostruirla, mattone dopo mattone. E, per infondere fiducia nella nipote, Dieu Lan inizia a raccontarle la storia della sua vita: degli anni nella tenuta di famiglia sotto l'occupazione francese e durante le invasioni giapponesi; di come tutto fosse cambiato con l'avvento dei comunisti; della sua fuga disperata verso Hanoi senza cibo né denaro e della scelta di abbandonare i suoi cinque figli lungo il cammino, nella speranza che, prima o poi, si sarebbero ritrovati. E così era accaduto, perché lei non si era mai persa d'animo.  Quando la nuova casa è pronta, la guerra è ormai conclusa. I reduci tornano dal fronte e anche Huong finalmente può riabbracciare la madre, Ngoc. Ma è una donna molto diversa da quella che lei ricordava. La guerra le ha rubato le parole e toccherà a Huong darle una voce, per aiutarla a liberarsi del fardello di troppi segreti... La saga di una famiglia che si dipana lungo tutto il Novecento, in un Paese diviso e segnato da carestie, guerre e rivoluzioni. Tre generazioni di donne forti, che affrontano la vita con coraggio e determinazione. Una storia potente e lirica insieme, che ci ricorda il valore dei legami familiari e gli ostacoli che siamo disposti a superare per rimanere accanto alle persone che amiamo.


Ho trovato la narrazione di questo romanzo particolarmente lenta, nonostante il numero di pagine totali non sia eccessivo, probabilmente a causa della potenza degli argomenti raccontati. Nel testo, infatti, non viene descritta solo la più conosciuta guerra del Vietnam ma anche le lotte intestine che, per anni, hanno diviso la nazione.
Mi ha particolarmente colpita tutta la parte riguardante la riforma agraria, un avvenimento che personalmente non conoscevo e che, raccontato dalla parte di chi è stato accusato e torturato, mi ha aperto gli occhi su tanti dettagli. 
Mi è piaciuta l'idea della narrazione alternata tra due punti di vista, corrispondenti a due diverse generazioni e associati a epoche differenti. Il lungo racconto della nonna Dieu Lan aiuta a ripercorrere la sua vita passata, costellata di dolore e patimenti ma anche di tanta forza di volontà e coraggio. Il presente rappresentato da sua nipote Huong, invece, diventa speranza con la fine della guerra e la metafora della vita che va avanti verso il futuro. 
Paradossalmente, dopo aver letto di tanta sofferenza, l'opera mi ha lasciato un senso di speranza. Attraverso uno stile di scrittura semplice e lineare è riuscita a entrarmi dentro e farmi riflettere su quante cose si diano per scontate, sbagliando e rendendosene contro troppo tardi. 
Voto: 4,5/5



Sarà un'Odissea: fai una catena individualmente con libri che abbiano un mezzo di trasporto raffigurato in copertina

sabato 19 novembre 2022

[Libri] Non è un paese per single di Felicia Kingsley

Titolo: Non è un paese per single
Autore: Felicia Kingsley
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 416
ISBN: 9788822751287

Belvedere in Chianti, piccolo borgo sulle colline toscane, dove abbondano ulivi e vigne ma di scapoli nemmeno l’ombra, è in fermento: Charles Bingley, nipote del defunto conte Ricasoli, sta arrivando dall’Inghilterra per prendere possesso dell’eredità, la tenuta Le Giuggiole. La notizia ha scatenato le potenziali suocere, disposte a tutto pur di sistemare le figlie con Charles o con il suo altrettanto affascinante, ricco e single amico Michael D’Arcy. A chi, invece, questa caccia al marito non interessa, è Elisa, amica d’infanzia di entrambi i giovani, con i quali passava tutte le estati alla tenuta, dove ora vive e si occupa con passione della vigna e della produzione del vino. Mentre tutte le ragazze di Belvedere si contendono i due appetitosi single, Elisa cerca di capire cosa ne sarà della tenuta, dato che Charles e Michael sembrano arrivati in Toscana con intenzioni poco chiare. Sono passati molti anni da quando lei e Michael erano compagni di giochi, la vita li ha cambiati e molti segreti si sono annidati tra le pieghe del tempo, che però sono sempre più difficili da nascondere. Possibile che due amici affiatati come loro possano ritrovarsi nemici? E se tra bicchieri di Chianti, scorpacciate di pappardelle e molti malintesi Elisa e Michael finissero a fare i conti con sentimenti tanto forti quanto imprevisti e forse impossibili da reprimere? A Belvedere, terra di pettegolezzi, tutti vogliono sapere…


Quest'opera mi ha incuriosita sin dalla sua uscita ma ho aspettato un po' per leggerla e apprezzarla. 
Mi è piaciuta molto l'idea di presentare un retelling di Orgoglio e pregiudizio attraverso i nomi dei personaggi e i loro caratteri. L'ambientazione invece è italiana e, precisamente, le vicende principali si svolgono in un paesino inventato del Chianti, che racchiude tutte le caratteristiche tipiche di un piccolo borgo, a cominciare dalle abitanti pettegole! Simpatici i tanti siparietti raccontati in merito a madri che tentano di accasare le figlie, dettaglio che dà il titolo al romanzo.
Alcune situazioni mi sono sembrate un po' inverosimili ma, nel complesso, le ho trovate comunque azzeccate per una trama che quasi sconfina nella favola. 
I due protagonisti principali non mi hanno fatta innamorare ma funzionano bene insieme, i tempi nel loro rapporto sono giusti e ben dosati, il finale è prevedibile ma carino e lascia aperto qualche spiraglio all'immaginazione del lettore anche in merito ai personaggi secondari. 
Voto: 4/5



Chaining the book
Sarà un'Odissea: fai una catena individualmente con libri che abbiano un mezzo di trasporto raffigurato in copertina