domenica 9 maggio 2021

[Libri] Come uccidono le brave ragazze di Holly Jackson

Titolo: Come uccidono le brave ragazze
Autore: Holly Jackson
Editore: Rizzoli
Pagine: 464
ISBN: 9788817147842

Little Kilton, aprile 2012: Andie Bell, una delle ragazze più popolari della scuola, viene uccisa. O meglio, scompare, e il suo corpo non verrà mai ritrovato. L'assassino è Sal Singh, compagno di scuola e amico della vittima: la polizia e tutti in città ne sono convinti. Il suo suicidio a qualche giorno di distanza ha cancellato tutti i dubbi. Ma Pippa Fitz-Amobi, che al tempo dei fatti aveva dodici anni e che ora si prepara a fare domanda per il college, non ne è per niente sicura. Quando sceglie di studiare il caso come tesina di fine anno, comincia a scoprire segreti che qualcuno in città vuole disperatamente che rimangano tali. E se l'assassino fosse davvero ancora là fuori?


Mi è piaciuta molto la struttura narrativa di questo romanzo, che alterna parti raccontate in terza persona al diario che Pippa tiene per svolgere il suo compito di scuola, dove sono riportate anche email e pagine di agenda, creando un collegamento che fa entrare il lettore nel pieno delle indagini della ragazza, osservando lo svolgimento dei fatti con i suoi occhi.
Ho apprezzato la protagonista proprio per questa sua genialità, per lo spiccatissimo senso investigativo e per l'intelligenza sarcastica con la quale affronta tutto. Purtroppo, però, ho riscontrato come la studentessa a volte si dimostri decisamente troppo ingenua e imprudente, commettendo degli errori da principiante che si discostano troppo dal personaggio della detective in gamba. Capisco che ciò sia dovuto all'esigenza di creare pathos e attesa ma non ho gradito questo aspetto.
Grazie a una serie di indizi disseminati nel corso dei capitoli ammetto di essere arrivata al nome del colpevole piuttosto velocemente, tuttavia sono comunque rimasta sorpresa dal colpo di scena finale, risolto in modo prevedibile ma adatto allo stile del libro. 
Voto: 4/5

Risultati di ricerca

Risultati wVoto: /

Super Lettori all'Arrembaggio: libro scritto da autrice donna

venerdì 7 maggio 2021

[Libri] Il patto di Jodi Picoult

Titolo: Il patto
Autore: Jodi Picoult
Editore: HarperCollins Italia
Pagine: 556
ISBN: 9788869052149

Fino a quella telefonata alle tre del mattino di una giornata di novembre, i Gold e i loro vicini di casa, gli Harte, sono sempre stati inseparabili. Per ben diciotto anni. Non è stata una sorpresa per nessuno, dunque, quando i loro figli adolescenti, Chris ed Emily, da semplici amici sono diventati qualcosa di più. Ma adesso la diciassettenne Emily è morta - uccisa da un colpo di pistola alla testa sparatole da Chris, in un apparente patto suicida lasciando le due famiglie devastate e alla disperata ricerca di risposte su un gesto inimmaginabile, di due figli che forse non conoscevano bene come credevano. È rimasta una sola pallottola nella pistola che Chris ha preso dall'armadio del padre, una pallottola che secondo la sua versione era destinata a se stesso. Cos'è successo veramente? Un detective della polizia del luogo nutre più di un dubbio sul patto suicida descritto dal ragazzo e inizia un'indagine.


Pur avendo sentito parlare bene dell'autrice più volte, non mi ero mai approcciata a un suo romanzo. Ho quindi iniziato questa lettura con curiosità, ritrovandomi di fronte a una storia estremamente coinvolgente e strutturata benissimo.
La narrazione si sviluppa su due diversi piani temporali che si alternano: dopo essere stati catapultati all'interno di una tragedia inimmaginabile, si viene accompagnati quasi dolcemente nel passato dei Gold e degli Harte, attraverso una descrizione dei fatti sempre più accurata che, tuttavia, non rovina la sorpresa. La verità su Emily viene infatti svelata pian piano nel corso dei capitoli dedicati all'Allora ma il lettore rimane all'oscuro su come siano realmente andate le cose fino alle ultimissime pagine.
Nel corso del processo che incrimina Chris si diventa inconsapevolmente membri della giuria, portati ad assistere e a dover interpretare quello che viene esposto, cambiando spesso idea e ponendosi continue domande. 
Ho trovato molto bella l'analisi psicologica dei vari personaggi, non solo quella dei due ragazzi protagonisti ma anche quella dei loro genitori. Il dramma che viene raccontato è, infatti, vissuto in modo diverso da parte di tutti, proprio per i loro ruoli opposti. Ho gradito anche l'idea di approfondire la figura dell'avvocato Jordan, inserendo alcuni tratti della sua vita privata in modo da rendere anche lui più vicino e umano. Significativa e meticolosa, sotto tutti i punti di vista, l'esposizione della vita in prigione.
La Picoult è riuscita benissimo a trasferire su carta e a far arrivare al lettore la sofferenza dei personaggi, sicuramente leggerò le altre sue opere.
Voto: 4,5/5

Risultati di ricerca

Risultati wVoto: /

Super Lettori all'Arrembaggio: libro scritto da autrice donna

venerdì 30 aprile 2021

[Scrapbooking] Card "Un viaggio con la fantasia" per Scrap4Smile

 Il vincolo del mese di aprile della challenge annuale organizzata sul gruppo Facebook Scrap4Smile è "Un viaggio con la fantasia", ecco la card che ho realizzato:


Ho usato come base un cartoncino color panna e ho aggiunto sul lato sinistro una striscia di patterned e un washi lilla glitterato. Ho incollato il sentiment (ricevuto in un vecchio swap ASI), i palloncini ritagliati con l'apposita fustella e, con il biadesivo spessorato, l'orso timbrato (My Favorite Things: Birthday Bears) e colorato con i pastelli acquerellabili.


Per realizzare la mia card ho usato lo sketch 314 del blog Clean&Simple Stamping.

[Libri] Un'estate a Parigi di Sarah Morgan

Titolo: Un'estate a Parigi
Autore: Sarah Morgan
Editore: HarperCollins Italia
Pagine: 432
ISBN: 9788869056208

Grace non crede alle sue orecchie quando, dopo venticinque anni di matrimonio, suo marito non solo le dice che non andrà a Parigi con lei per il loro anniversario, ma che vuole il divorzio. Grace è sconvolta, ma si fa forza e decide di partire lo stesso. Parigi è il suo sogno da sempre. Anche Audrey ha il cuore spezzato quando arriva nella ville Lumière. Un lavoro in libreria è il suo biglietto per la libertà, ma purtroppo non sa il francese e l’impresa sembra destinata a fallire. Finché Audrey e Grace non si incontrano e tutto cambia. Le due infatti sono vicine di appartamento nel palazzo sopra la libreria e subito diventano amiche. Sono arrivate a Parigi per ritrovare se stesse, ma quell'incontro potrebbe cambiare la loro vita per sempre.


Ammetto che, appena iniziato questo romanzo, ero un po' dubbiosa sulla trama perché la vicenda non mi stava coinvolgendo molto, però andando avanti la storia si è fatta via via più interessante e la lettura fortunatamente mi ha rapita!
Le protagoniste non attirano subito l'attenzione ma i loro caratteri, diametralmente opposti, emergono poco alla volta e diventano sempre più forti, creando un'alchimia che funziona benissimo. La contrapposizione tra le due donne è netta su tutti i fronti, a cominciare banalmente dall'età ma, senza quasi rendersene conto, le loro capacità si compensano e danno vita a una bellissima amicizia. Personalmente ho preferito la storyline di Grace, a mio avviso più coinvolgente e intrigante. 
Ho apprezzato tantissimo le digressioni in merito a Mimi e al suo affascinante passato, è un peccato che il finale a lei dedicato sia stato troppo frettoloso e privo del pathos che avrebbe meritato. Mi piacerebbe leggere uno spin-off basato sul suo personaggio perché credo che abbia moltissimo da offrire al lettore.
Mi aspettavo maggiori descrizioni di Parigi e invece, purtroppo, la città è rimasta sullo sfondo, senza aggiungere alcunché alla narrazione.
Voto: 4/5

Risultati di ricerca

Risultati wVoto: /

Super Lettori all'Arrembaggio
Vintage Trial Reading Challenge: leggi un libro che abbia nel titolo il nome di una città

mercoledì 28 aprile 2021

[Libri] Figlie di una nuova era di Carmen Korn

Titolo: Figlie di una nuova era
Autore: Carmen Korn
Editore: Fazi
Pagine: 522
ISBN: 9788893253376

Uno strano destino, quello delle donne nate nel 1900: avrebbero attraversato due guerre mondiali, per due volte avrebbero visto il mondo crollare e rimettersi in piedi, stravolgersi per sempre sotto i loro occhi. Sono proprio loro le protagoniste di questa storia, quattro donne che incontriamo per la prima volta da ragazze, ad Amburgo, alle soglie degli anni Venti. Hanno personalità e provenienze molto diverse: Henny, di buona educazione borghese, vive all’ombra della madre e ama il suo lavoro di ostetrica più di ogni cosa; l’amica di sempre Käthe, di estrazione più modesta, emancipata e comunista convinta, è un’appassionata militante; Ida, rampolla di buona famiglia, ricca e viziata, nasconde un animo ribelle sotto strati di convenzioni; e Lina, indipendente e anticonformista, deve tutto ai suoi genitori, che sono letteralmente morti di fame per garantirle la sopravvivenza. Insieme crescono e vedono il mondo trasformarsi, mentre le loro vicende personali s’intrecciano in una rete intricata di relazioni clandestine, matrimoni d’interesse, battaglie politiche e sfide lavorative, lutti e perdite, eventi grandi e piccoli tenuti insieme dal filo dell’amicizia. Pagine che ci fanno respirare il fascino d’epoca di un mondo che non c’è più: i cocktail al vermut, i cappelli a bustina, gli orologi da tasca e gli sfarzosi locali da ballo, ma anche le case d’appuntamenti, i ristoranti cinesi e le fumerie d’oppio del quartiere di St Pauli. E poi la lenta, inesorabile disgregazione di tutto, la fine di ogni libertà, il controllo sempre più pressante delle SS, la minaccia nazista… Quattro donne, un secolo di storia: “Figlie di una nuova era” è il primo capitolo di una nuova trilogia tutta al femminile.


Ciò che ho apprezzato maggiormente di questo romanzo è stata l'analisi storica che permea in sottofondo tutta la trama. Nonostante alcuni salti temporali, infatti, gli anni del Nazismo e della Seconda Guerra Mondiale sono approfonditi attraverso gli occhi di comuni cittadini tedeschi.
I passaggi tra i vari anni mi hanno un po' spiazzata, soprattutto all'inizio, ma ho via via imparato a prestare attenzione alle date e a figurarmi lo scorrere del tempo non menzionato nel corso dei capitoli.
Purtroppo ho avuto qualche difficoltà nel districarmi tra i nomi dei tantissimi personaggi presenti nell'opera, cosa che è migliorata andando avanti ma che non si è risolta completamente.
Nonostante il titolo possa far pensare a un libro incentrato esclusivamente su figure femminili, in realtà anche molti uomini hanno un ruolo predominante nel corso della vicenda. In questo senso mi sono piaciuti in modo particolare i due dottori della clinica Finkenau.
Le quattro protagoniste hanno un'età ravvicinata ma sono diverse tra loro dal punto di vista caratteriale. Malgrado ciò le loro vite si intrecciano inesorabilmente e i legami che si creano vengono analizzati sempre più a fondo. La mia preferita è stata senza dubbio Henny, dall'indole propositiva e tenace, pur non condividendo alcune sue scelte personali. 
Trattandosi del primo titolo di una trilogia immaginavo di trovarmi di fronte a un finale aperto e in effetti così è stato. La rivelazione che arriva proprio nelle ultime righe spinge indubbiamente alla lettura del volume successivo per scoprire se quanto appena scoperto possa essere vero.  
Voto: 4/5

Risultati di ricerca

Risultati wVoto: /

Super Lettori all'Arrembaggio
Vintage Trial Reading Challenge: libro vintage

lunedì 26 aprile 2021

[Libri] Un sogno tra i fiocchi di neve di Corina Bomann

Titolo: Un sogno tra i fiocchi di neve
Autore: Corina Bomann
Editore: Giunti Editore
Pagine: 208
ISBN: 9788809817159

Fin da bambina, Anna non ha mai potuto sopportare il Natale, con tutto il suo corredo di luci, addobbi, dolci e regali. Anche adesso, a 22 anni, ogni scusa è buona per sfuggire alle odiate feste. Ma quest'anno sottrarsi sarà impossibile: il suo adorato fratellino le ha strappato la promessa di raggiungerlo per festeggiare con tutta la famiglia, compreso l'insopportabile patrigno. E così, nel giorno della vigilia, Anna salta su un treno in viaggio tra Lipsia e Berlino. Ma basta un attimo di assopimento - o meglio, quello che sembra solo un attimo - per ritrovarsi in una desolata stazione sul Baltico, nel cuore della notte e nel pieno di una tormenta di neve. Come tornare indietro se non ci sono più treni? Non resta che chiedere un passaggio a chi capita: l'autista di uno spazzaneve, un saggio camionista polacco, tre vecchiette dall'aria misteriosa e... un surfista-psicologo piuttosto attraente. Ognuno con la sua storia, ognuno con un'esperienza da regalare in questa magica notte. Riuscirà Anna a mantenere la promessa? Ma soprattutto, riuscirà a capire cosa desidera davvero?


La storia narrata in questo romanzo è la classica favola natalizia dalla morale finale trasportata in tempi moderni. Nonostante copra un arco temporale breve, è dinamica e, grazie a uno stile di scrittura piacevole, la lettura è stata scorrevole e veloce. 
Purtroppo la protagonista Anna mi è spesso parsa poco coerente e per questo, oltre ad alcuni atteggiamenti troppo marcati, non mi è risultata molto simpatica.
Anche se non originalissima, ho apprezzato l'idea di creare una serie di sventure che impediscono il ritorno della ragazza a casa per Natale, tuttavia, se all'inizio le vicende raccontate mi sono sembrate gradevoli e mi hanno anche fatto sorridere, andando avanti ho trovato tutta la situazione eccessivamente surreale. Avrei preferito forse meno disavventure ma descritte in modo più approfondito, visto che le tante figure incontrate nel percorso sono particolari e presentano caratteristiche che sarebbero potute essere esposte in modo più ampio.  
Voto: 3/5

Risultati di ricerca

Risultati wVoto: /

Super Lettori all'Arrembaggio
Vintage Trial Reading Challenge: leggi un libro ambientato in inverno

venerdì 23 aprile 2021

[Libri] Ninfee nere di Michel Bussi

Titolo: Ninfee nere
Autore: Michel Bussi
Editore: E/O
Pagine: 394
ISBN: 9788866327462

A Giverny in Normandia, il villaggio dove ha vissuto e dipinto il grande pittore impressionista Claude Monet, una serie di omicidi rompe la calma della località turistica. L'indagine dell'ispettore Sérénac ci conduce a contatto con tre donne. La prima, Fanette, ha 11 anni ed è appassionata di pittura. La seconda, Stéphanie, è la seducente maestra del villaggio, mentre la terza è una vecchia acida che spia i segreti dei suoi concittadini da una torre. Al centro della storia una passione devastante attorno alla quale girano le tele rubate o perse di Monet (tra le quali le Ninfee nere che l'artista avrebbe dipinto prima di morire). Rubate o perse come le illusioni quando passato e presente si confondono e giovinezza e morte sfidano il tempo. L'intreccio è costruito in modo magistrale e la fine è sorprendente, totalmente imprevedibile. Ogni personaggio è un vero enigma. Un'indagine con un succedersi di colpi di scena, dove sfumano i confini tra realtà e illusione e tra passato e presente. Un romanzo noir che ci porta dentro un labirinto di specchi in cui sta al lettore distinguere il vero dal falso.


La struttura narrativa di questo romanzo è particolare in quanto i capitoli seguono la linearità dello scorrere di 14 giorni che danno il titolo alle varie parti della storia. All'interno di esse, però, si alternano paragrafi raccontati da diversi punti di vista: quelli della vecchia strega sono in prima persona, mentre gli altri che seguono le vicende della giovane Fanette e della bella maestra Stéphanie sono in terza persona, un dettaglio che ho notato subito e che, a posteriori, ha assunto un senso.
Accanto al caso dell'omicidio, rivelatosi intrigante e coinvolgente perché ricco di dubbi e sotterfugi, la parte predominante del libro risulta un vero e proprio omaggio al celebre pittore impressionista Claude Monet. Sono infatti moltissime le citazioni in merito alla sua vita e ai suoi quadri e, come specificato dall'autore all'inizio dell'opera, molti dei dettagli indicati sono reali. 
Il finale è travolgente, i capitoli conclusivi trascinano il lettore in un vortice dal quale è impossibile staccarsi, per giungere alle ultime pagine in cui tutto viene svelato. Ammetto di aver avuto qualche sospetto su quale direzione avrebbe potuto prendere la trama e sono soddisfatta di essere, in parte, riuscita ad arrivare alla verità, tuttavia riconosco di non aver saputo collegare in modo esaustivo tutto quanto e di essere quindi, comunque, rimasta sorpresa dalla genialità di Bussi.
Voto: 4/5

Risultati di ricerca

Risultati wVoto: /

Super Lettori all'Arrembaggio
Vintage Trial Reading Challenge: libro vintage