domenica 2 febbraio 2014

52 Week Project 2014: 5/52

Purtroppo questa settimana non ho foto per partecipare al 52 Week Project di Simona, avrei potuto scegliere tra la torta di compleanno di mio padre lunedì scorso o una delle foto di mercoledì, quando ho preparato i macarons al cioccolato fondente...
Ma giovedì mattina, all'improvviso, è successo quello che mai avrei voluto vivere o scrivere: il mio papà ci ha lasciati.
Sono stati quattro giorni frenetici, scombussolati e strani, molte cose da organizzare, l'affetto inaspettato di tantissime persone, tanto dolore e allo stesso tempo tanta serenità, per la bellissima vita che abbiamo passato insieme noi tre come famiglia, per le risate che abbiamo fatto fino a pochi minuti prima, per come sono andate le cose, visto che non ci sarebbe stato niente da fare e ne abbiamo la certezza assoluta.
Adesso, volente o nolente, si inizia un nuovo capitolo.

La morte non è niente.
Sono solamente passato dall'altra parte:
è come se fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l'uno per l'altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare:
parlami allo stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
Non cambiare tono di voce, non assumere un'aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme.
Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia di dolore o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
è la stessa di prima, c'è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente. solo perché sono fuori dalla tua vista?
Non sono lontano, sono dall'altra parte, proprio dietro l'angolo.
Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami:
il tuo sorriso è la mia pace.

Henry Scott Holland

7 commenti:

  1. Ciao Federica un abbraccio grande grande!
    Gio'

    RispondiElimina
  2. Come rimanere indifferenti? Come rimandare un abbraccio che per quanto virtuale può scaldare il cuore, raggelato improvvisamente??? E allora, senza perdere un minuto, ti arrivi il mio più affettuoso e stretto abbraccio...Giulia

    RispondiElimina
  3. Fede ho letto solo ora e mi dispiace tantissimo..... ti sono vicina, tesoro....

    RispondiElimina
  4. un abbraccio grandissimo...
    baci

    RispondiElimina
  5. Non ti conosco ma posso esprimerti tutta la mia vicinanza. Hai avuto forza e coraggio x scriverlo... un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. anche se non ci conosciamo...ti abbraccio...

    RispondiElimina